sabato 31 dicembre 2011

Buon 2012! tiriamo le somme e qualche torta in faccia

anche questo 31/12 è arrivato.
A sentire i Maya, l'ultimo 31/12 ...ma mi sia consentito, io non riporrei cieca fiducia nelle predizioni di un popolo di cocainomani, col viziaccio di lanciare vergini nei vulcani.
Che ci portiamo a casa da questo 2011?
Finalmente abbiamo archiviato il capitolo Berluscauron. Un gran passo per l'Italia.
Purtroppo dalla terra di Merdor (Montecitorio) continuano a fluire orde di Uruk-hai guidati da Monti, che cercano di spillarci anche l'anima per venderla al diavolo e risanare il debito pubblico. Consiglierei di cominciare a mettere all'asta alcune belle proprietà immobiliari per riuscirci. Tipo, certi cottage sardi e pied a terre di Montecarlo. Così evitiamo di tassare le case e pure gli affittuari (se non sono già finiti sotto i ponti).
Ho salutato il Grande Macello. Dal 1 gennaio la fusione è completata, e con essa la moria dei colleghi precari. Ci troveremo in tre gatti a lavorare per un ente che servirà tutta Italia. (no, chiedo scusa ai gatti. Purtroppo le capacità mentali dei colleghi superstiti - con l'unico pregio di aver contratti inattaccabili e lingue ormai ehm, ...marroni - sono più simili a quelle delle cime di rapa.
Abbiamo imparato tutti cos'è lo spread, quest'allegra parola. Che ricorda molto il momento in cui soggiorni sul trono di porcellana dopo aver mangiato pasta e fagioli...spreeeeead! E in effetti anche questa parola ormai la abbiniamo a situazioni marroni.
Nel 2011 ho vinto la mia lotta con il consumismo. Decrescita Felice, o quasi sempre felice...dato che spesso era dettata dall'avere poco e niente soldi per far shopping. Ho imparato a far rammendi invisibili, a pulire tutta casa con aceto- bicarbonato e marsiglia (i tre dell'AveMaria... li usi e preghi che la macchia venga via), a coltivare l'orto e a dar peso alle giuste cose.
E' stato l'anno del Giustizia è fatta: finalmente, dopo aver donato più sangue al mio capo che all'Avis, ho avuto la promozione. E subito dopo, è cresciuta l'IVA, con puntualità inquietante. Ma vaff...
E' stato l'anno in cui è nato il mio Micioso Amoroso,  il gatto che si è autoconvinto di essere umano. E con il suo super affetto, ha convinto del fatto anche me e Mr T.
E' stato l'anno di chiusura di Splinder. Ma ve lo devo dire che non mi manca nemmeno un po'? Blogspot  è una FAVOLA! Devo solo imparare a padroneggiarlo meglio...ehm, i link dei blog amici come li metto??
E' statol'anno in cui Super Sic ha salutato noi fan del Motociclismo: incredibile come solo la mancanza di un figuro di un metro e ottanta possa far sembrare vuota la pista.
Si avvicina un altro anno, mentre mi preparo a salutare quello vecchio nel cenone con gli amici di Inculonia a base di (se mi leggono al Sud, confermerò tutti gli stereotipi dei nordisti polentoni)...
"Polenta Vuncia". Salutiamo in pesantezza un anno alquanto pesante!!!

Buon anno a tutti, amici blogger!

1 commento:

  1. Buon anno cara gemella di blog separata alla nascita

    MagicamenteMe

    RispondiElimina