Passa ai contenuti principali

La schiava Isaura

Vengo spesso tacciata di essere stakanovista. In uno dei miei primi lavori in team, i colleghi mi avevano soprannominata Florence, come la cameriera dei Jefferson, perché avevo sempre in mano qualche strumento di lavoro.
Da quel lavoro come educatrice in un centro per ragazzi difficili, molta acqua è passata sotto i ponti; anche come archivista sollevavo gli stessi pesanti scatoloni dei colleghi uomini nerboruti…
L’Augusta Genitrice dice sempre che per fermarmi bisognerebbe spararmi nei piedi.
Ma ho capito di essere una barzelletta vivente quando, l’altro giorno, le amiche di Inculonia (mogli degli amici di Mr T) mi hanno presa in giro perché a Capodanno ho servito io a tavola al posto della padrona di casa (beatamente spaparanzata a pettinare il suo maltese), e prima ancora avevo preso io i cappotti degli ospiti in arrivo (mentre la padrona di casa faceva i complimenti al suddetto maltese per aver salito da solo le scale…d’altro canto il compagno stava cucinando…)
Tra proposte per andare a casa loro a stirare con l’appretto e disinfettare i water, praticamente mi sono valsa il nuovo soprannome di “la schiava Isaura”.

Il punto è che, siccome non mi accorgo del mio eccesso di zelo, mi chiedo: qual è il limite oltre il quale gli altri si approfittano di me?...tipo la padrona di casa toelettatrice di cani?

Commenti

  1. magari lei non voleva approfittarsi di te, non voleva toglierti il divertimento:-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …