Passa ai contenuti principali

No, non sono magra.

Ecco, non mi definirei neppure in sovrappeso: diciamo “morbidina”.
Sono passata  dall’essere una bambina decisamente tonda al diventare un’adolescente tormentata e anoressica, per passare (dopo due ricoveri ospedalieri e un sacco di colloqui con dottori vari) a riprendere peso e diventare una procace uiversitaria.
E da lì, fatto salvo il periodo di pronunciato dimagrimento durante i preparativi del matrimonio, non sono più cambiata.
Ma ciò che davvero non cambia mai sono le battute stupide della gente.
Non cambiano le prese in giro dei compagni di classe, che mi hanno trascinato all’anoressia; né i commenti delle ‘amiche’ mentre riguadagnavo faticosamente il peso e la serenità perdute; né i sospiri dei colleghi uomini, “ah, se solo pesassi quei cinque chili in meno saresti davvero una modella”…
Quanto vorrei per una volta piazzare due sonori schiaffi in faccia a questa gente al grido di “Ah, se solo avessi un paio di chili di cervello in più!”…Perché sono chi sono, e ciò che sono, perché ho imparato al caro prezzo di rovinarmi la salute che essere magra non risolve né i miei problemi né quelli del mondo. Mentre quanto si guadagnerebbe se la gente smettesse di parlare a vanvera!

Commenti

  1. Ho imparato a mie spese a non fare mai commenti su com'è la gente o su come si veste, ecc ecc purtroppo però il mondo è troppo vario e c'è sempre chi fa una battutina pensando di essere la persona più simpatica del mondo.
    :(
    MagicamenteMe

    RispondiElimina
  2. pensa che quando son dimagrita, una sera ero con mia figlia e quell'imbecille del mio vicino disse: e certo che adesso che sei così dimagrita fai sfigurare tua figlia! Da notare che eva è normopeso, magari ha un paio di kg in più...che grande imbecille

    RispondiElimina
  3. siccome commentare da te a volte è un pò difficile, perchè ora google mette 2 paroline per sbloccare l'invio, se vuoi qui c'è il modo per eliminare questa procedura, sempre se ti va
    http://maudechardin.blogspot.com/2012/02/per-togliere-i-filtri-dai-commenti.html

    RispondiElimina
  4. Grazie Gabibba! ho seguito la procedura (peraltro complimenti alla scrittrice del blog...molto ben scritto), spero che adesso i commenti siano più facili (chissà...magari sarò più commentata!)
    Sì...il tuo vicino è scemo davvero, anche perché - dalle foto che ho visto - Eva è tutto fuorché grassa! è anche carina! E poi davvero, non c'è niente di più idiota che commentare l'aspetto altrui: e se la maggior parte si guardasse davvero allo specchio prima di parlare...!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …