Passa ai contenuti principali

Sfida alla maledizione spagnola

Con la Spagna ho un pessimo rapporto. La prima, pessima esperienza è stata dopo la laurea: invece che l’agognato viaggio in Grecia, che sognavo dalle elementari (traviata dai film della principessa Sissi, I know…ma ognuno ha diritto ai suoi sogni), la Buon’Anima - il mio allora fidanzato- mi trascinò in un viaggio di gruppo con l’allora combriccola di ‘amici’. Vi dico solo che tornammo a gruppi separati, e da quel viaggio tornai con meno numeri sul cellulare e l’insanabile convinzione di stare insieme a un mentecatto.
La seconda volta, se possibile, andò peggio ancora: con Mr T avevamo attrezzato il furgone della sua piccola ditta così da farne una casa viaggiante, con lo scopo di arrivare a Lisbona: finì che ci fermammo a Barcellona, esasperati da una serie di contrattempi e sfighe continue. Il viaggio in Portogallo si trasformò in tour della Provenza…ma di certo non ci riusciamo ancora  a scordare l’agghiacciante notte di Ferragosto 2007, trascorsa in un autogrill fuori Barcellona, circondati da enormi camion e cullati dal dolce rumore del treno ad alta velocità, che passava proprio al di là della strada.
Insomma: ho la maledizione spagnola. E com’è che allora sto per partire per Madrid?
Osama Bin Laden, la mia mansueta sorella di mezzo, sta per compiere quarant’anni. Un gran traguardo che sognava di festeggiare a Dublino…e invece, visto che Il Santo, suo marito, ha appena cambiato lavoro, di ferie non se ne parla. Mossa a pietà, affermavo con mio marito che quasi quasi, viste le mie ferie avanzate dagli anni precedenti, avrei potuto accompagnarla io. Detto fatto: la rana dalla bocca larga (MR T) mi ha venduta a mia sorella. Che cosa non si fa per avere un sabato da passare col mio testimone a giocare alla Wii…
Il primo progetto di Osama si trasforma in weekend ad Amsterdam: “no, a Dublino tutto sommato preferisco andarci poi col Santo…e poi che dici, non invitiamo anche Nanny?”…e invitiamo anche la sorella maggiore: peccato che si oppone ad Amsterdam (“troppo fredda”). E allora? La tal città l’ho vista io, la tal altra Nanny, l’altra ancora Osama…resta solo Madrid.
E Madrid sia.
Ora sto già combattendo: con Roswell, che piange miseria… “nun te ne annà…ce sta troooooppo lavoro…” (e rimboccarsi tu le maniche, per una volta?), con Nanny … “solo bagaglio a mano??? E io come faccio con le mie sette creme da giorno e sera?” (SETTEEEE??? Io credo di non aver usato sette creme in tutta la vita!), e con il poco tempo che resta per fare un esorcismo.
Stay tuned.

Commenti

  1. Che bello, un viaggio tra sorelle!
    Madrid l'ho visitata qualche anno fa in gennaio, non era molto freddo, ma sfiga volle che piovve quasi sempre.
    Sei fortunata, andando tu con donne difficilmente andrai a visitare lo stadio dove l'Italia ha vinto i mondiali e dove gioca il Real Madrid ;)
    Ma

    RispondiElimina
  2. E invece mia cara, ...m'è toccato andare al Santiago Bernabeu! che ci vuoi fare...ho una sorella fanatica interista!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Le pezze are back

Innanzitutto un applauso alla ministra Lorenzin.
No, perché obiettivamente è difficile,  difficilissimo far arrabbiare almeno 3 milioni di italiani ogni volta che si apre bocca: ma lei ce la fa ogni volta.
Striscia la notizia ha intervistato la nostra in merito alla campagna di Civati contro la tassazione degli assorbenti al 22%. La ministra ha giustamente dichiarato di appofappoggiare l'iniziativa,  Salvo poi sbrodolare con un : "mica si può tornare all'800 con le pezze di cotone".
I beg  your pardon?
CERTO, CERTISSIMO CHE SI PUÒ! E aggiungerei: si deve.
Come sapete per Pannolina uso pannolini lavabili. Ma durante il periodo del puerperio mi sono convinta e sono passata anche per me al lato lavabile del ciclo.
Diciamo che un'episiotomia fatta in modo agghiacciante e particolarmente dolorosa da rimarginare mi ha convinta a utilizzare 2 assorbenti lavabili che avevo comprato,  più per curiosità che per convinzione,  ad una fiera. La svolta!morbidi,  lisci, molto p…