Passa ai contenuti principali

Libraccio, io ci credo un sacco

Sono dipendente dalla carta stampata dall’età di sei anni. Leggo di tutto e dappertutto: ormai potrei fare antologie anche sulle etichette dei flaconi di bagnoschiuma, visto che alla toilette, finché non ho potuto imporre la presenza del portariviste, non c’era mai null’altro da leggere.
(tra parentesi. Plaudo alla vena poetica dello scrittore di “Revlon, bagnoschiuma al thè rooibos”. Ottimo profumo, gran bella metrica.)
A Fontanilandia, dove ho vissuto per trent’anni, ero colonna portante della biblioteca. Amica del bibliotecario, della bibliotecaria, dell’assistente e pure degli acari della polvere, conoscevo tutti gli anfratti più segreti: la mia Disneyland privata.
Poi mi sono trasferita  a Inculonia, dove la biblioteca è un posticino piccolo e malconcio con pochi volumi e una ragazza che ancora combatte col patentino ECDL (quindi…niente prestito interbibliotecario…L).
E qui ho incominciato una relazione concupiscente con il Libraccio lungo i bastioni di porta Venezia, a Milano. 
La mia nuova Disneyland. Trovo di tutto, ivi compresa la musica di sottofondo sempre ben scelta (ma chi è che farà la playlist? Non ci credo, tanta bella musica non può essere frutto di selezione casuale). Nessuno mi cazzia se mi inerpico sulle scale traballanti, e riempire la shopper di libri a un prezzo decente, senza dover rinunciare e rimandare gli acquisti perché non bastano i soldi nel portafoglio …e l’emozione di dare ai libri una seconda vita è un piacere speciale, soprattutto quando cominci ad amare quel titolo: significa dargli un’altra casa, da cui sarà strappato solo dalle tarme… e in fondo, è un modo a impatto zero per alimentare la mia passione!

Commenti

  1. sono proprio d'accordo con te!! anche io vivo di biblioteca, prendo 3 libri alla volta, tutti riportati prima della scadenza e perfettamente intatti.. odio profondo per chi ha un libro che voglio io ed è un mese in ritardo.. vorrei fare la bibliotecaria solo per cazziare la gente al telefono XDXD

    RispondiElimina
  2. anche io amo i libri, mi piace averne un bel pò da leggere, una scorta per i momenti duri:-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …