lunedì 12 marzo 2012

Peggio per voi se mi fate incazzare

In principio fu “Nodo di sangue”.
Amore da subito.
Poi…non ci siamo più viste. Silenzio, quasi non ci fossimo mai incontrate.
Eppure l’ho cercata. L’ho cercata in tutti i posti dove avrei potuto cercarla: da Feltrinelli, su IBS, su Anobii…
Poi, un pomeriggio, nella penombra del mio Libraccio di fiducia…l’ho incontrata ancora.
Lei. La mia amata Anita Blake: la Risvegliante, la Sterminatrice di vampiri più noir del mondo.
Anita combatte mostri e vampiri, ma soprattutto combatte il suo lato oscuro, che la attrae verso fascinosi personaggi: Jean Claude, tenebroso e affascinante Master della Città, c’è Edward, la Morte incarnata, c’è Richard il sexy, dolce licantropo…
E poi c’è tutto il suo stile: la Browning a pallottole d’argento, il crocifisso come arma.
La collezione di pinguini e la tazza “Peggio per voi se mi fate incazzare”.
C’è la scrittura in prima persona: e l’iniezione di autostima che si prova l’attimo prima di pensare “Wow, anch’io voglio risvegliare vampiri per mestiere!”
Per questo ormai vago da una libreria all’altra preda da raptus librosessuali, alla ricerca dell’Anita Blake perduta…e sono pronta a leggermi i suoi sequel anche in inglese, visto che Giorgihno è riuscito a scaricarli in lingua originale…Ma ne capirò?!

1 commento:

  1. Naaaaaaaaaa, io ho smesso di comprare i libri di Anita Blake. Devo dire che alla fine la componente sessuale ha superato la trama.
    Invece io adesso mi sono fissata con la serie di Chloe Neill
    http://www.delosstore.it/delosbooks/?k=autori&v=130

    RispondiElimina