Passa ai contenuti principali

Scene (indegne) da un matrimonio


Riprendo il titolo di Davide Mengacci per potermi sfogare qui, nel mio angolo di mondo virtuale, protetta dall’anonimato e dal vostro affetto, su alcune cose che mi stanno alquanto amareggiando…e che purtroppo non posso nemmeno discutere coi diretti interessati.
Di cosa sto parlando? Quest’anno mi aspettano, come già sapete, due matrimoni.
Peccato abbia scoperto che – in realtà – i matrimoni di quest’anno, nel gruppo di amici e conoscenti, siano tre. Infatti ho scoperto dall’Augusta Genitrice che anche un’altra coppia si sposa: due ragazzi con cui abbiamo fatto una vacanza e altre uscite ma che, siccome erano amici comuni a due altre coppie invitate al matrimonio mio e di Mr T, abbiamo invitato (quel famoso 10 luglio di due anni orsono).
Insomma, due anni fa invitare loro per me ha significato non poter invitare altra gente con cui ero legata, per evidenti vincoli numerici ed economici…per cui, se non un invito ufficiale  mi aspettavo almeno un sacchettino di confetti, una telefonata, chessò! Un sms col lieto annuncio…
Cerco di consolarmi dicendomi che tutto sommato è un impegno in meno visto che tra regali, addii al nubilato, abiti e parrucchiera quest’anno ho già di che svenarmi, ma detto tra noi sono fortemente tentata di scoprire data – ora – luogo  della cerimonia, e presentarmi con un pentolone di risotto al nero di seppia. Così potrò almeno tirare il riso agli sposi, mirando bene l’abito bianco.
Secondo poi. Parliamo di matrimoni dove sono evidentemente, ufficialmente invitata (ho tanto di partecipazione, ah sì!). Il matrimonio di Bella e Vlad, amici nostri da circa due anni, di cui sono organizzatrice dell’addio al nubilato nonché consulente per il look della sposa.
Parliamo del fatto che Giorgihno, che  odia Cherry Merry Muffin da quando quest’ultima gli ha taciuto alcune confidenze che riguardavano la vita sessuale della Sgualdra (la ragazza che piaceva a Giorgihno).
Beh, che c’entra col matrimonio di Bella? Il nostro pare deciso a non presenziare, nonostante l’invito ricevuto, proprio a causa della presenza di Cherry Merry Muffin. Cio-è. Tu non ci sarai il giorno più importante della vita di qualcuno che definisci tuo amico, e tutto questo perché è presente qualcuno che non ti va tanto. E il bello è che ancora non ha avuto le PALLE per discuterne con l’interessata, ma lo ha detto prima a me…nella speranza che facessi il lavoro sporco per lui.
MA TU TE LO SCORDI.
Il punto è: come faccio a difendere quello che è agli occhi del mondo il mio migliore amico quando fa putt@n@te colossali? Come faccio a giustificare a me stessa di aver scelto come testimone qualcuno che si cura così poco della mia opinione da non considerare quando lo avviso che fa una c@zz@t@, qualcuno che considera così poco il matrimonio di un amico da considerarlo alla stregua di “un bidone tirato all’ora dell’aperitivo”?
Con che faccia pretende che escluda dalla mia vita Cherry Merry Muffin?
Mi sto facendo la triste opinione che i matrimoni tirino fuori l’incredibile dalle persone più impensate.

Commenti

  1. non mi stupisco più di nulla, purtroppo.. la gente è una continua delusione

    RispondiElimina
  2. io ho sempre pensato il peggio dei matrimoni, in quanto eventi mondani, anche del mio... che risale a quasi due anni fa ;)
    Che dire? Certo che sei proprio nelle pesti. Posso solo suggerirti di non pensare a quei due che non ti hanno invitato, anche perché penso che anche loro abbiano vincoli numerici/economici. Purtroppo non possiamo misurare le altre persone con il nostro metro.
    Comunque approvo l'idea di lanciare il riso nero, possibilmente appena scolato dall'acqua :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …