Passa ai contenuti principali

cervelli ambiziosi

Non è poi così facile, quando si  fa lavoro impiegatizio, saper tenere vivo il cervello, stimolarlo con altro che non sia sempre l'argomento lavorativo.
Anche per questo ho deciso di rispolverare l'amata Anita Blake, ma di gustarla in lingua originale: con l'aiuto di Giorgihno mi sono procurata la bibliografia che ancora non ho letto in lingua inglese, e col mio fido tablet Arnova approfitto dei lunghi tragitti in treno per diventare un "finta madre lingua inglese".
Che delusione, ragazzi!
In due ore sono arrivata appena a venti pagine, e con mezza pagina di termini da reperire sul dizionario.
Ma ce la farò, a questo punto, a leggere tutti e sette i libri che mi mancano?
Mah. Si raccolgono scommesse. Intanto, mi sento un po' così...

Commenti

  1. in inglese io mi sono trovata bene con janet evanovich che ha scritto i libri di stephanie plumm, non li ho tutti (in realtà non ho i primi che ho acquistato in italiano)però se ti interessa fammi un fischio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dai! sai che mi avevi già incuriosita leggendo le recensioni di Stephanie Plumm sul tuo blog? Quindi Fiiiiit! (ho fatto un fischio...)

      Elimina
  2. Da quando ho smesso di studiare mi accorgo che il cervello non é così pronto come prima! Tu fai benissimo a crearti nuovi stimoli di questo tipo: io sto pensando di rimettermi a studiare per conto mio nel tempo libero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche per la visita, innanzitutto! già, effettivamente è bello cercare di riappropriarsi dei propri stanchi neuroni...:(

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Le pezze are back

Innanzitutto un applauso alla ministra Lorenzin.
No, perché obiettivamente è difficile,  difficilissimo far arrabbiare almeno 3 milioni di italiani ogni volta che si apre bocca: ma lei ce la fa ogni volta.
Striscia la notizia ha intervistato la nostra in merito alla campagna di Civati contro la tassazione degli assorbenti al 22%. La ministra ha giustamente dichiarato di appofappoggiare l'iniziativa,  Salvo poi sbrodolare con un : "mica si può tornare all'800 con le pezze di cotone".
I beg  your pardon?
CERTO, CERTISSIMO CHE SI PUÒ! E aggiungerei: si deve.
Come sapete per Pannolina uso pannolini lavabili. Ma durante il periodo del puerperio mi sono convinta e sono passata anche per me al lato lavabile del ciclo.
Diciamo che un'episiotomia fatta in modo agghiacciante e particolarmente dolorosa da rimarginare mi ha convinta a utilizzare 2 assorbenti lavabili che avevo comprato,  più per curiosità che per convinzione,  ad una fiera. La svolta!morbidi,  lisci, molto p…