mercoledì 20 giugno 2012

lo sport nazionale di far incazz@re la testimone

Che nervi, che nervi, che nervi.
Che.
Nervi.
L’addio al nubilato di Iron Ass sta diventando sempre più una prova di nervi.
Agli Europei di calcio le palle girano meno che a Inculonia, in questi giorni.
Ieri mi ha chiamato Puffetta, la super intraprendente futura cognata di Iron Ass, che su istigazione del futuro marito Bue Grasso mi dà una mano con quest’allegra incombenza (di cui avrei fatto anche a meno, ma se ti viene domandato “lo fai tu che sei la testimone, veroooo??!” che puoi fare?...)
Ora: costei, dacché s’è proclamata aiutante, si impegna tanto…ma così tanto…a farmi sbattere.
Per dirne una, per una volta che ero in riposo mi sono sparata 30 km di treno e camminata per far stampare la maglietta personalizzata alla sposa. Poi ho dovuto scegliere i posti. Poi mandare la cartina di Google Maps a Puffetta per il parcheggio (sennò le altre invitate si perdono). Poi chiamare Psycho, l’amica d’adolescenza mia e di Iron Ass che da anni non vedo più (e un motivo ci sarà!). Poi…poi…poi non lo so più, ma più che altro mi si sono intasati i neuroni.
Il punto è che Puffetta fa da segretaria nell’agenzia di pulizie di proprietà del marito, e senza nulla togliere, credo sia un lavoro che lasci un sacco di tempo libero. Mentre io con tutta la buona volontà arrivo al venerdì così stanca che non sollevo manco un alluce dal pouff.
Comunque ieri mi ha chiamato per ripropormi (dopo avergliela già bocciata…) un’altra delle sue balzane idee: fare il menù comune, perché “è più simpatico”: bruschetta all’aglio, salumi artigianali con aglio, patate rosolate (insaporite all' aglio), e grigliata di carne (ah, e lo sapete che nella conservazione della salamella si usa un sacco di aglio?).
Obietto: “guarda, io personalmente non sono d’accordo, non posso mangiare i tre quarti delle cose…”
“però puoi mangiare la torta”
“E chissà come mi sazio!”
“Vabbè ma se è per una semplice intolleranza…”
Inspiro. Espiro. Inspiro. “Direi che non è intolleranza, se mi chiude le vie respiratorie. Vedi tu se è così divertente passare l’addio al nubilato in Pronto Soccorso…”
“Ah no, allora non mi assumo la responsabilità. Vuol dire che ordino 9 menù comuni, e tu prendi una pizza, magari. Poi dividiamo”.
Eh, già. Io mangio una margherita da 5 euro, sbavando di fronte ai vostri chili di carne. E poi pago pure 50 euro. Ah, e muta, ovviamente, perché io devo fare l’autista alla sposa…
Mi sembra che lo sport comune di questo matrimonio sia “facciamo diventare scema la testimone”.

E la cosa più brutta è che so benissimo che per quanto io continui a mandare giù non rospi, ma rane toro, per amore della sposa, lei nemmeno si renderà mai conto del fatto che sono stufa di essere la generosa di sempre, e che vorrei essere rispettata.
Se non nei soldi, se non nel tempo, almeno nei problemi di salute che di certo non mi sono scelta.

1 commento:

  1. :(
    mi dispiace tanto. questo conferma sempre più l'inutilità di queste cose che poi uno fa per obbligo più che per piacere.

    scusa ma dove abitate voi ci sono molti problemi con i vampiri?

    RispondiElimina