Passa ai contenuti principali

DONNE E MALATTIA MENTALE: LA SINDROME DEL BELLO E DANNATO


Per una festa aziendale mi ritrovo a fianco di Scarface.
Scarface è un collega carinissimo (somiglia molto vagamente a Brad Pitt), che lavora nella sede principale, in un’altra città.
È cariiino…anche di carattere, per la sua grande cortesia. Una delle cose che più mi piace in un uomo è il suo essere gentleman.
Ecco perché dopo un paio di bicchieri di vino di troppo (ecco un altro dei pregi di Scarface: ama la buona tavola…) finiamo per fare un po’ i piacioni l’uno con l’altra…niente di trascendentale, tutto raccontabile anche alle orecchie di Mr T.
Però…ad un tratto Scarface mi guarda con occhi languidi e mi dice: “peccato non averti incontrato tanto tempo fa…avresti potuto cambiare le mie convinzioni sulle storie tra colleghi…”
Trattengo un “wooah?” che farebbe tanto Anna Marchesini della situazione, fingo di essere una donna vissuta e chiedo “ossia?” da dentro un bicchiere, prima di far vedere la mia faccia gigioneggiare di piacere per il complimento.
Scarface prosegue: “dopo tanti due di picche, ho lasciato perdere il provarci con le colleghe…è troppo triste vederle tutti i giorni. E d’altro canto la vita mi ha insegnato che le donne preferiscono i belli e dannati…”
Ossia, gli stronzi.
Che poi: anche gli uomini preferiscono le stronze… Insomma: preferiscono qualcuno che sfugge, che non ha bisogno di loro. Uomini e donne sono identici da questo punto di vista.
Ma quello che mi domando è: possibile che un ragazzo bello, intelligente e pieno di buone qualità abbia collezionato un numero infinito di due di picche? Possibile che noi donne abbiamo la testa così piena di segatura da non cogliere le buone occasioni? Cosa cerchiamo quando rifiutiamo un tipo a posto e che ci dà attenzioni per cercare di piacere a qualcuno che mette davanti a noi il torneo di PES? Mah…

Commenti

  1. che bel complimento che ti ha fatto ^__^
    quanto agli str@nzi credo che tanti danni li abbia fatti Candy Candy con quel disgraziato di Terence!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …