sabato 24 novembre 2012

NO, MA PERCHE’?...


Ma perché la risposta a un problema delle categorie di proletari dev’essere sempre lo sciopero?
Per carità, con la situazione che ci ritroviamo le proteste sono legittime, però…
Però.
Se il personale di Trenord fa sciopero collettivamente per tre treni consecutivi,  l’effetto è che i poveri pendolari inca**ati  arriveranno a casa in ritardo, i treni saranno cancellati (NB: cancellati, non in ritardo. Ciò significa che nessun abbonato avrà uno sconto al mese successivo…perché il treno non era in ritardo, ma non c’era proprio. Sì, è una logica che fa acqua da tutte le parti, lo dite anche voi per favore al signor CEO di Trenord?!). Inoltre se si sciopera ci sarà anche la decurtazione dello stipendio del lavoratore di Trenord.
Vediamo se è chiara:
·         Il treno cancellato non dà diritto al riscontro,
·         Il personale non viene pagato,
·         L’abbonamento del treno è già stato fatto, quindi i soldi sono già entrati nelle tasche di Trenord.
Ergo: non rimborsano i clienti, non pagano  il personale, non spendono soldi del carburante e oltretutto hanno già incassato. SVEGLIAAAAA!!! Non create un danno al datore di lavoro, gli  fate solo un GRANDE regalo!
…Magari la prossima volta ci pensate prima  di farmi tornare a casa alle 20.30?...

2 commenti: