Passa ai contenuti principali

· Trilogia, trilogia canaglia…(da cantarsi come Al Bano) # 2

Cosa mi ha impedito di svenarmi nell’immediato per la trilogia di Mia di Federica Bosco? Semplice…l’aver ritrovato nel frat – time il regalo di Giorgihno dello scorso anno, il primo volume di Hunger Games. Stupendoooooooooo! Katniss è una ragazza coraggiosa: nonostante abiti in uno dei distretti più poveri di Panem, lo Stato governato dalla dispotica Capitol City e nato dalle ceneri degli Stati Uniti piagati da disastri naturali, è un’abile bracconiera in grado di sfamare la sua famiglia. Finché un giorno la sua sorellina minore viene scelta per gli hunger games, una sorta di reality show organizzato da Capitol City per ricordare ai Distretti sudditi la loro inferiorità: ogni distretto invia due giovani sotto i diciotto anni, che combatteranno fino alla morte contro gli altri tributi, fino ad avere un solo vincitore. Katniss si offre al posto della sorellina, ma scopre che suo compagno sarà un giovane del Distretto che una volta l’aveva salvata dalla fame…e che scoprirà essere innamorato di lei. Gli Hunger Games sono agguerriti e sanguinosi, ma contro ogni aspettativa Katniss arriva in finale insieme a Peeta, suo compagno di Distretto. Riusciranno a salvarsi entrambi?... E anche qui non vi anticipo nulla, se non che la prima cosa che ho fatto, scesa dal treno dopo aver letto l’ultima pagina, è stato scappare in libreria a comprare il secondo volume! Alle sette del mattino: d’altro canto il mattino ha l’oro in bocca…

Commenti

  1. continua a leggere che poi si evolve molto la situazione ;)
    a me è piaciuta molto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …