Passa ai contenuti principali

w i proletari in carriera

Da poco si è chiuso il progetto che l’Aad aveva pensato per le ‘nuove leve’, una sorta di Xfactor pubblicitario. L’idea era quella di individuare i capi di domani, a loro dire. In realtà a molti è venuto il sospetto che si tratti di una tattica per farci credere che, se facciamo gli schiavi a vita, è perché non siamo stati capaci di emergere. Nonostante ciò non si poteva rifiutare la proposta di partecipare a questo progetto, pena una vita a prendere lo stesso stipendio: 3 peperoni e du’melanzane, nel caso mio. Non che ora punti al carrierone… requisiti di partecipazione erano giovane età, conoscenza dell’inglese, buona valutazione del capo e laurea. Io ne avevo tre su quattro (ma temo che quando hanno chiamato Merdevole Matrigna per la mia valutazione abbia risposto qualcosa come “Coso…chi?!”). A dirvela tutta era qualcosa che ha suscitato molte invidie: Mignolo, Prof e Guernica (tutti e tre malati di invidia cronica) non hanno fatto passare giorno, in sei mesi di durata, senza battute su ‘vecchi impiegati ormai buoni solo per cimiteri per elefanti’ e ‘talentuosi’. Invidie immotivate oltretutto: è stato uno sbattimento allucinante, tra riunione settimanali (ultimamente anche giornaliere), test d’inglese e attitudinali, ricerche….ma utile se non altro per creare un clima migliore, alcuni del team con cui ho lavorato mi mancheranno un sacco. Ecco perché all’ultima sera, all’aperitivo offerto dall’Aad per festeggiare la fine del progetto, commento con Cherry Merry Muffin “Contenta? È finita!”…già, pigola lei. “Da domani non più talenti ma campesinos de Cochabamba”. Beh in effetti lo stipendio non è molto più alto, con le debite proporzioni…

Commenti

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …