sabato 16 marzo 2013

8’ 59’’

Che quando una è irresistibbbole, allora non ci sono santi può succederle di tutto.
Tipo che i meglio colleghi da incubo la invitino a bere il caffè insistentemente. Gente come lo Spiatore di monitor, ma anche come lo Yeti, l’uomo dalle braccia più pelose del mondo che abita proprio dietro il mio ufficio.
Ed è proprio rifiutando uno di questi caffè con lo Yeti, che mi sono girata disperata verso Roswell chiedendogli “ma perché tutti i migliori?”
Mi osserva pensieroso, e dice:
“in effetti è che proprio te sei la classica vittima del decimo minuto del film dell’orrore”
“?!”
“Ma sì, quella che… ‘oooh cosa sarà questa porta chiusa sotto cui escono fiumi di sangue? Sono curiosa, apro e controllo!!”
“In effetti…”
“Guarda, a ben pensarci forse muori al minuto 8 e 59”

2 commenti: