Passa ai contenuti principali

La Panda dello zio Michele



Sto sveglia la notte da una settimana, colta dal panico perché  la Patiz mi ha mollato a piedi l’altra sera.
Così, d’improvviso. Senza un biglietto, una discussione, “ehi guarda che ti lascio! Così non si può andare avanti!”
No, che poi così vero non è…
In effetti dall’inizio del 2013 è cominciato il conto alla rovescia per diventare auto d’epoca. E ha fatto una visitina al mese dal meccanico. Roba da poco, tipo cavetto dei cilindri, filtro della benzina…insomma, siamo nell’ordine dei 50 euri a volta. È il motore che, spompato da 105.000 km (saranno poi reali? l’ho acquistata di quarta mano…tutti ex proprietari onesti?), fa presente che ormai va più a Padrenostri che a benzina.
In effetti, l’ho anche portata per la benedizione delle auto in parrocchia.
Tuttavia, mi ha lasciato per strada sotto la pioggia, su una provinciale, dopo le 7 di sera.
Oh yesss.
Mi metto a spingerla per portarla sul ciglio della strada, con le 4 frecce inserite, mentre la fila dietro strombazza (digressione sull’automobilista comasco che: donna sotto la pioggia, di sera, che spinge un’auto, e che faccio? Opzione A: aiuto, B: almeno la supero, C: mi pianto dietro le sue XXiappe e strombazzo, visto che è l’unico modo che ho per strombazzare una donna. E sì, non ho nemmeno bisogno di dirvi cosa scelgono).
Arriva in soccorso Mr T col Risolutore e l’implacabile giudizio: non parte, forse è il motore. Bisogna trainarla fino a casa.
E successivamente mandarla da Vampirlo, il meccanico che mi dissangua, per capire se proseguire o meno con l’accanimento terapeutico.
Di notte mi rotolo angosciata da questa e altre situazioni, pensando “ e ora? Ora che ho depositato sul libretto per il futuro acquisto casa un sacco di soldi, e mi ritrovo sul conto 700 c@c@ti euri, che fo???”
La risposta è una sola, e me la comunica Kijiji il giorno seguente. La Panda modello zio Michele (sì, quello di Avetrana, che come l’80% dei contadini salentini in effetti guida la Panda 30).
Svariati colori, ma una sola risposta: c’hai 700 euri? Accontentati.
Anche perché la gratifica che m’aspettavo vista la valutazione di MM direi che svanirà come lacrime nella pioggia, con il prossimo passaggio di consegne.
Insomma, gira che ti rigira, sempre in quei Qli finisce.
E la macchina da contadina sancirà una volta per sempre il mio status di campesino de Cochabamba.

Commenti

  1. Ma stai scherzando? La vecchia panda è un trattore, è un bulldozer. Non la ferma nemmeno un carrarmato!




    Speriamo ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …