domenica 19 maggio 2013

Grazie al cielo le donne non sanno leggere le cartine

Rientro in ufficio, dopo un giorno di ferie. All'Aad si sta procedendo a far traslochi: addio Urna Cineraria. Il nostro nuovo ufficio avrà una persona in più (il nuovo collega Bombarolo) e una nuova posizione, in centro all'open space. Che Qlo. Peccato che facciamo un lavoro spesso al telefono, e che solo dopo aver afferrato tutte le implicazioni della faccenda abbiano capito che SI', insonorizzarci è necessario. Come, visto che praticamente non c'è spazio manco per un armadio piiiiccolo che faccia il separè? Semplice, vi portiamo una paretina in cartone, ispirandoci alle bidonville di Rio.
Praticamente, lavorerò in una favela.
La cosa bella è che Scrausy mi comunica, appena rientrata, che di fatto mi toccherà ancora il posto della supposta (quello che dà le spalle alla porta, cosicchè chiunque passi può spiare...)
Come ovvio (visto che è un anno e mezzo che detengo la posizione della supposta e che gna fazzu ccchiu) mi comincio a sentire quel cicinin presa pel culo.
Bombarolo però si presta: "ma sì...io preferirei stare lontano dalla finestra, facciamo cambio..."
Il Traslocator però interviene, vedendoci discutere tra noi: "ma avete capito bene la postazione?"
Così ci accompagna, e ci fa vedere le nostre postazioni... Non siamo noi a dar le spalle alla porta, ma Scrausy, che interviene "Ah, io dalla cartina avevo capito diversamente..."
Si inviperisce, e passa il pomeriggio a darmi rispostine sarcastiche.
Non ho dubbi che, se solo se ne fosse accorta prima, avrebbe cambiato i posti di concerto con Roswell, senza dirci alcunchè (come, tra l'altro, è già successo in passato).
Posso pertanto dire che mi ride ANCHE il QLO.

1 commento: