Passa ai contenuti principali

io di Te non mi vergogno

Siamo andati a Roma.
Uno degli scopi, oltre a vedere la sempre splendida Città Eterna, era vedere dal vivo il nuovo Papa Francesco.
Mi rendo conto che sui blog parlare di fede è ...desueto, o comunque lo fa solo un certo tipo di blog, condito di immagini sberlusente della Madonna o di fondali a nuvole.
Insomma, un blog come il mio, ricco di parolacce e di espressioni 'colorite', forse non s'adatta a certi argomenti...
E invece, io ci credo, e tanto. E questo nuovo Papa, beh... mi ricorda che Gesù è venuto per 'gli imperfetti', per quelli come me.
Abbiamo avuto la fortuna di assistere a una messa del Papa in piazza San Pietro, con la canonizzazione dei martiri di Otranto e di due suore sudamericane. Anche per questo la folla era 'variegata', ma accomunata da un tratto unico: un amore per il nuovo papa che si fa tangibile, peggio che a un concerto di Bon Jovi.
E il fatto che lui sia unico, speciale (ho visto Wojtila e Benedetto XVI dal vivo,...e il paragone si fa...inevitabile!) lo si comprende da come legge scocciato in latino, per rianimarsi mentre arriva all'omelia, mentre scende ad abbracciare la folla. Abbraccia e bacia bambini e malati, e sono i bodyguard a farlo distaccare ogni volta dai fedeli, mentre si vede che il suo sguardo si volta a cercare ogni singolo viso in piazza San Pietro, con...accoglienza, ecco.
Con quella faccia che avrebbe Gesù, se ci guardasse vis a vis. Quella faccia che dice "Io di te non mi vergogno".
E nemmeno io.

Commenti

  1. quanto ti capisco!! io sono sempre stata legata alla religione, e ora con questo Papa così vicino a noi sento molto più forte il legame ♥ pensa che a Settembre verrà a Cagliari, sono pronta a fare la notte accampata pur di vederlo!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …