Passa ai contenuti principali

la foto del giorno su metro

ieri Metro (il quotidiano distribuito gratuitamente nelle stazioni) pubblicava la foto a fianco, in prima pagina.
Si tratta di un'elaborazione di un artista e ricercatore, Nickolay Lamm, che ha voluto confrontare Barbie, come oggi la conosciamo, con una bambola che riproduce le vere fattezze di una tipica diciannovenne americana.
Ora, quanto tipica non lo so...a New York ho potuto acquistare dei Levi's nel reparto 'teen', e posso assicurarvi che sono tutto fuorchè sottopeso. Quindi, indubbiamente si tratta di una bambola che riproduce una ragazza dal bel viso e buona forma fisica...che sembra chiattona a confronto della Barbie standard.
Lamm vuole lanciare il messaggio che, se si vuol smettere di condizionare le preadolescenti (nei casi più gravi spingendole all'anoressia per inseguire un modello irreale...) allora bisogna cominciare dai giochi.
E pensare che è già stato fatto un restyling volto ad eliminare i complessi, rispetto al passato: la Barbie della mia infanzia era molto più pettoruta, con fianchi più stretti e vita più esile (tant'è che gli abiti da bambola di oggi non vanno più bene alle Barbie anni 80...)
Comincio a capire da dove derivi un po' della mia insicurezza fisica!! :(

Commenti

  1. mia mamma non voleva che ci regalassero le barbie perché pensava fossero altamente diseducative... da molto tempo ho capito che aveva ragione lei

    RispondiElimina
  2. Io da bambina ho sempre giocato con le Barbie, ma non mi sembra di essere cresciuta con qualche disturbo .. forse dipende anche da come ci insegnano a giocare con certi giocattoli, altrimenti tutti quelli che usano i soldatini dovrebbero diventare militari :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …