Passa ai contenuti principali

Mi tiro su per la pelle delle ginocchia

All'AaD è tempo di festeggiare: la chiusura del bilancio semestrale rivela che siamo ampiamente in positivo.
Beh, in questi tempi di crisi generalizzata ci si sente alquanto fortunati.
Un po' meno fortunati ci si sente, e un bel po' più incazzati, quando si scopre che i dirigenti si sono auto - assegnati bonus a 6 cifre...e hanno invece bloccato promozioni e aumenti di stipendio per noi plebaglia, chè si sa 'c'è la crisi'.
Ecco, mi risulta che lavoriamo per la stessa azienda, quindi il fatto che la crisi ci sia per me ma non  per te probabilmente è il terzo mistero di Fatima.

Non stupisce quindi che in questo clima idilliaco come una puntata dei Teletubbies, quando ti invitano alla cena di festeggiamento per gli attivi, la maggioranza delle persone risponda "ma anche no". (ok, non è la maggioranza, è 'quelli signorili').
Come in tutti i regimi dittatoriali però l'opposizione non è granchè benvista, sicchè il nostro Presidentissimo Francisco Franco si inventa di farlo passare per 'una giornata di formazione': e di fatto, se non vuoi partecipare, beh...devi prendere ferie!
Aggiungete poi che ha scelto come location una sperduta magione in campagna...e capirete come mai la faccenda ha assunto i toni della deportazione al bagno penale.
Su sedie scomodissime ci hanno tenuto il pomeriggio intrattenendoci con una tavola rotonda (cioè...gli esperti erano seduti in tondo, noi su queste sedie modello Vergine di Norimberga).
Dopo h 1, il sedere s'è informicolato e ha preso forma quadrata.
Dopo h 2, ho perso sensibilità agli arti.
Dopo h 3, è partito il ballo di San Vito.
Dopo h 4, allo start dell'ennesimo video motivazionale, i miei pietosi colleghi hanno avuto la forza di tirarmi su per i piedi e trascinarmi fuori.
E finalmente, scatta il momento del brindisi per cui ci hanno portato lì: e cena sia!
Peccato che come in tutte le magioni antiche con annesso ristorante novelle cuisine, non si mangi praticamente un c@zzo.
M'arriva un piatto con numero paccheri 4, al pomodorino e gamberetto (e vi giuro che il piatto l'ho rovistato bene...ma si vede che il gamberetto era freschissimo e se n'è andato per fatti suoi...). Successivamente un rotolino di branzino ripieno di melanzane grande come il pugnetto d'un bimbo.
Poi ci piazzano in mano un tubo di autan e ci dicono "per il caffè fuori".
E lì, parte il coretto stile bambina della Pic Indolor: "Già fattooooo?!"
L'unica cosa che abbonda e sovrabbonda è l'open bar.
E menomale, perchè ho bisogno di alcol per reggere certe visioni. L'enorme collega dell'organizzazione stringe a sè in un tango la perfida responsabile del personale, il Guardatore di Monitor allunga le mani su quelle che gli capitano a tiro...
Non resta che affogare in un mare di Bayley's...
certo che a volte sembra di lavorare con Fantozzi!!!






Commenti

  1. Già mi piace quando i capi prendono gli incentivi e i premi produzione... quando sei tu che hai fatto il lavoro
    ah che goduria

    RispondiElimina
  2. Vabbè, dai, però un po' di risate ve le sarete pur fatti, commentando le ore di sediascomoda e il 'ricco' menu ;)

    RispondiElimina
  3. Nemmeno il mio capo è ancora arrivato a tanto... ma preferisco non illudermi ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …