Passa ai contenuti principali

Bastava dire no - Chiara Maffioletti

Questa volta mi sono presa una pausa da vampiri &co. per dedicarmi a questo libro, che mi ha prestato mia sorella Osama.
L'autrice descrive, minuto per minuto, la storia del suo divorzio, che potremmo definire "cronaca di un divorzio annunciato".
Interessante quando descrive la conflittualità tra mogli e cognate: insomma, il problema non è solo mio o di Moma!!! il mondo è pieno di cognate deficienti!
Tra il capitolo 11 e il 12 ho rischiato invece un'embolia.
Nell'11, l'argomento è 'perchè i bravi ragazzi sposano le stronze'. No, spiegami il concetto di 'stronza': cosa è stronza, una che non si fa usare come zerbino? una che non si fa chiudere fuori casa in mutande? una che non si fa rubare i vestiti? ...allora, sono stronza anch'io. Perchè l'esperienza mi ha insegnato che la sopportazione delle cattiverie altrui induce solo alla sopportazione di cattiverie ancora più grandi. E allora, più che stronze, ribalterei il concetto in 'gente che ha rispetto di sè a differenza mia'.
Nel 12, l'argomento è "perchè gli amici non mi hanno detto che odiavano il mio ex marito".
Ora, io di amiche che hanno sposato idioti ne ho, eccome. E l'esperienza insegna che non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.. E credetemi, io c'ho provato a farle ragionare... Non c'è stato verso, se li sono sposati.
Auguri e figli maschi. 
La domanda è: non è un po' comodo dire "sì, avrò sbagliato, ma me lo dovevano dire..."
Il punto è - care le mie vittime sacrificali designate - che magari ve lo dicono, ma per non 'soffrire' (o per non dare agli altri l'ultima parola sulla vostra vita) fate anche finta di niente.

Nel complesso comunque è un libro che fa anche tenerezza, che fa riflettere e pensare.
Mi è sembrato (ma come si fa a dirlo con certezza...) che la protagonista non sia certo una combattente: credo che per il mio matrimonio avrei combattuto di più.
Sicuramente, ne consiglio la lettura.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …