Passa ai contenuti principali

Insospettabili fedifraghi

Tempo fa ho lavorato con un consulente informatico. 
Bellissimo uomo, affascinante, intelligentissimo.
Due figli avuti con la moglie (...tuttora tale) a sua volta nostra collega.
Ci siamo trovati bene da subito. 
Confortata dalla sua nomea di essere incorruttibile, pur corteggiatissimo per le doti sopra elencate, mi ha stupito per il numero di complimenti al mio indirizzo. 
Da lui, mi sono sentita apprezzata, capita, valorizzata.
A sua volta l'ho sponsorizzato fino all'inverosimile conoscendo le sue spettacolari capacità...
...e si era creato un bel rapporto di cameratismo, inviti a pranzo, e ad aperitivi...
Sennonché una sera, dopo avermi risolto un problema, mi ha scritto un sms che testualmente recitava 
"l'ho fatto per te...solo perché ti voglio bene."
Ho pensato di aver capito male, ma i messaggi in questo senso si sono moltiplicati...così come gli inviti ad aperitivi, 'anche noi due soli'.
Ho cercato di ricondurre la faccenda a migliori consigli...ho pensato di aver interpretato male i segni...
...fino a che non l'ho incontrato con la moglie e l'ho visto evitarmi come la peste. 
Un frettoloso "ciao", una mano sulla spalla della moglie e trascinarla via da me, 'Il Male Oscuro'.

Eppure, qui dentro (ma credo anche altrove), è prassi comune...
"Ma che ti aspettavi, è un uomo!" 
Appunto. 
E mi chiedo: ma è così divertente equivocare su parole e intenzioni?? ...anche con tua moglie nei paraggi?
Mah!


Commenti

  1. wau, non cambierei per nulla al mondo il mio collega storico che praticamente mi dice di mettere in ordine la scrivania nemmeno fossi la figlia ;)

    RispondiElimina
  2. guarda... in questo sono diventate bravissime anche le donne... parlo per esperienza personale diretta recente.

    RispondiElimina
  3. @Magicamente - sì, anch'io non sono estasiata dal contesto...
    @ Gabibba: già!
    @Stefanover: in effetti, credo che la stronzaggine non conosca distinzioni di sesso ed età...:(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …