Freud, tu mi freghi

Stamani ho messo un maglioncino nero un po' così, di quelli cinesati con quel zic di poliestere che fa pallini e pelucchi.
In ufficio ho la mia brava spazzolina raccatta-pelame che tira su il più dell'indegnità che mi porto addosso, ma - ohibò - c'è anche un filo che spunta!!!
Mi avvicino all'unico altro collega presente nell'open space a quell'ora del mattino armata di forbici e gli chiedo: "F., mi dai un bigolo di collaborazione...?"
Si gira guardandomi attonito.
(per non lombardi: 'bigolo' da noi può voler dire... articolo maschile. Ecco.)
"ah, per il filo che sporge! per un attimo nel vederti con le forbici in mano a chiedere un bigolo...ho temuto che fossi come la Bobbit!"
Decisamente ho sbagliato espressione...
....può essere dovuto al fatto che ho sognato il suddetto collega in vesti discinte qualche giorno fa (e faceva pure la sua porca figura)?!

Commenti

Post popolari in questo blog

i gruppi di whatsapp

Le pezze are back