mercoledì 31 luglio 2013

Figone del mese AGOSTO SPECIAL EDISCION: Trono di Spade

Già, arriva agosto e con esso le ferie.
Siete già al mare? in montagna?...non sempre la guida alpina e/o il bagnino è all'altezza dell'aspettativa delle nostre pupille: dopo un anno di colleghi - impiegati - gobbetti, piuttosto che commessi e panciuti, o...chissà?! solo donne in ufficio?...gli occhi fremono di posarsi su qualche bellezza naturale esotica (no, non vale il marito...Mr T è bellissimo, ma come disse un saggio "scelgo di mangiare pasta per la vita, ma il menù al ristorante posso sempre leggerlo!")
E allora, se il bagnino è anziano...
...il barista del rifugio montano sembra Reinold Messner...
...il bigliettaio al museo ricorda il ragionier Filini...
...questo mese di Figoni del Mese ve ne regalo ben 3, per rispondere ad ogni carenza vacanziera, ed estratti dall'esotica serie "Trono di Spade".

Al 3° posto ci sta...
Rob Stark, il re del Nord, lui e le sue belle pelliccette di Metalupo a tracolla.
Sappiate che mi hanno già spoilerato tutto lo spoilerabile...ma non ci voglio pensare, e per ora me lo godo così!!!
Al 2° posto, un'iniezione d'ormone impazzito con:
scegliamo un'immagine meno truculenta del bellissimo Kal Drogo, l'uomo che ha dato un nuovo senso alla parola "virile e muscoloso". Io o preferisco in quest'immagine al gusto di saponetta mantovani.
Al 1° posto, sempre e comunque e quantunque:

Jon Snow, che insieme a lei è il mio preferito:

(signor Martin, le dispiacerebbe dare a noi fans numero UNA soddisfazione e farli finire insieme?...ops. Forse non la dovevo dire...ora ne farà morire uno senz'altro).
Per ora, devo accontentarmi del mio regalo di compleanno...

lunedì 29 luglio 2013

l'anno prossimo, il girello

Mr T mi ha regalato per il compleanno questo qui. E' definitivo, gli esami hanno confermato che ho un'anca dismetrica rispetto all'altra; unica cura...perdere almeno 8 chili (è meglio che sia lievemente sottopeso, così da evitare di pesare sull'anca calcificata).
Benone.
Aggiungiamoci poi l'episodio di Salciciotty e capite perché, invece di continuare a spendere soldi per i massaggi, sono molto grata a Mr T di questo regalo salutare che compensi le mie 'storture'.
Peccato che i colleghi abbiano commentato "accidenti, che regalo da anziani! e al prossimo compleanno che ti regala? il deambulatore?!"
Io onestamente preferirei questo qua. E' anche rosso!

Salsicciotti? chi, io??!

Non so se anche voi praticate, io personalmente ci casco, almeno qualche volta.
In cosa?
Beh, nell'acquisto di ticket su portali come Groupon, Groupalia, Letsbonus...per i pochissimi che non conoscono, si tratta di portali dove trovi 'offerte del giorno' scontatissime, che possono essere creme, elettrodomestici, viaggi, attività a prezzi scontati, cene...
La qualità è varia, ed eventuale. Certo, se la struttura che mette in palio il ticket è seria, allora il ticket è ben speso e  - qualche volta - ci si concede anche di tornare a prezzo pieno (che bello l'Hammam Sahara, scoperto a 29 € con Letsbonus!). Spesso però il fornitore è un'idiota convinto che - siccome ti ha messo un prezzo scontato, può tranquillamente rifilarti una sola.
Qualche tempo fa ho trovato un ticket che ho acquistato prontamente: fish manicure e pedicure, trattamento viso, massaggio rilassante agli oli essenziali. Mi scialo coi pescetti divoracalli, che mi solleticano piacevolmente...finchè non vengo assalita dalla consapevolezza che quelle boccucce si sono attaccate ad altri piedi callosi, che schifo! supero il trauma una volta arrivata all'altra cabina estetica, dove mi cospargono il viso di profumato (e appiccicosissimo) miele alla lavanda. Mi rilasso pregustando l'arrivo della massaggiatrice, e pensando che sì, sceglierò l'olio alla rosa.
Invece la cornice luminosa della porta, nella stanza buia, viene oscurata dalla presenza scenica di una valkiria: "ed ora massaggioooo!", esclama con forte accento russo.
"che bello, posso scegliere l'olio? sul ticket c'era scritto: rosa, finocchio, menta, pino..."
La Dannata Komunista (chiamiamola così) contempla le mie natiche ipnotizzata. "Oh no, qui ci vuole ...verbenaaa, drenare,..."
Allarmata, le domando: "come drenare? ma non era 'rilassante' il massaggio?!"
La Dannata Komunista: "Nooooo! troppa acqua! fare massaggio drenante, non vedere quanta cellulite?". Ciò detto mi rovescia addosso l'olio freddo di verbena (e friggo difatti come Caroline di "Vampire Diaries", che freddo!)
Dopodichè mi fissa come un cuoco guarderebbe un quarto di bue, che doveva far bollito (che palle!) e decide invece di preparare alla Strogonoff: come una sfida. Solfeggia: "massaggiamo salcicciottyyy...". Realizzo che parla di me, mentre comincia a impastare e pestare come si fa per frollare le bistecche.
Ma non dovevo rilassarmi?
"Tu tanta cellulite! perchè? tu sa che cellulite è effetto di malessere interiore?"
"In ...che senso?" trovo la forza di chiedere mentre soffro le pene dell'inferno.
"Tu tiene tutto dentro! non sfoga tua rabbia, non pesta piede per tuo diritti! e te gonfia d'acqua!"
Soffoco un singhiozzo: ma pure la massaggiatrice mi viene a dire che sono una Schiava Isaura?! maledizione, io volevo rilassarmi...
"Anche con marito, tu dì: se tu vuol vedere mio scrigno segreto, deve aiutare, sennò io troppo stanca..." (ma...ho capito bene?! scrigno segreto? ...forse sono in un episodio di Doctor Who...)
"Con collega tu dì: io volere tanto aiutare, ma presa- presa, non ce la fa...invece tu aiuta sempre, vero??"
"Veroooo!" grido fra le lacrime, non so se per il dolore o perchè la Dannata Komunista ha colpito nel segno.
"Ecco! dire basta, sennò tu...Salciciotty! e noi non vuole sembrare maiale prima di concia, vero? tu prende vitamina C che fluidifica sangue, poi prende tintura madre di betulla, equiseto e ortica che drena acqua e fa massaggio almeno 1 volta settimana. E soprattutto ...dì di no!"
La Komunista restituisce alla luce di piazza San Babila una giovane (si fa per dire) Proletaria distrutta, ma decisa a cambiare.
Mi trascino fino a casa e non mi vergogno a dire che da un mese a questa parte sto seguendo i suoi consigli (ebbene sì, mi intaso di goccine manco fossi un bonsai).
Però...sta funzionando.
Anche la parte del "no".
Potere al Comunismo! potere al proletariato!

venerdì 26 luglio 2013

Odio l'Italia

Da oggi ho 6 euri in più nella paga base.
Però ho anche 23 euri in più di imposte.
Totale 17 euri in meno di stipendio, alla faccia dell'aumento.
Io odio questo Paese.
Odio i ladri che siedono al governo,
odio la mentalità che giustifica in fondo i furbetti del quartierino e i furboni del quartierone,
odio la testa di chi desidera l'amnistia perchè le carceri sono strapiene, e di fatto obbliga la gente onesta a incarcerarsi in casa propria per evitare strade da Bronx.
Odio lavorare e pagare per avere i servizi, e vedere che chiudono i reparti maternità, le geriatrie degli ospedali, che i bimbi poveri sono discriminati in una scuola pubblica senza welfare "se non ti puoi pagare la mensa, sei out" come in un reality di Briatore.
Incendierei ogni auto blu che vedo, chiuderei i conti correnti dei Parlamentari, licenzierei in tronco tutti i "parenti di..."

Il punto è che per fare una rivoluzione ci vogliono soldi, e i soliti noti ci stanno togliendo anche la dignità.

giovedì 25 luglio 2013

Oh che povera gente sofferente

No, ancora non ho finito "Oro Sangue", il sesto romanzo della Confraternita del Pugnale Nero, quindi per la recensione completa dovrete aspettare (per quanto...lasciatemelo già dire: Phury, che delusione!!!)
Tuttavia sento il bisogno di lasciare un messaggio al curatore delle copertine:
richiamo la vostra attenzione sul pay off della copertina ..." Amava soltanto una donna era costretto a giacere con molte".
Ascolta, amico art designer, se punti sulla pietà per far vendere il libro, dubito proprio che ne otterrai molta.
Povero Phury costretto a trombare come un coniglio, eh?
...in effetti...e poi, leggiteli 'sti libri, se proprio devi inventare gli slogan! chi è la donna amata, Bella? la ddddroggga??

mercoledì 24 luglio 2013

Caro Royal Baby sfigatello...

...sì, sfigatello.
Perchè sarai pure quarto nella linea di successione al trono di Inghilterra...
...avrai fatto vendere miliardi in souvenir,..
...sei già noto a livello internazionale per "manco è venuto al mondo e già ha rotto i co**oni!",...
...sei un miracolo già da solo, come ha fatto un vitellino di chili 4 come te a uscire da Kate-la-Secca?!...
...sarai pure stato annunciato al mondo da un personaggio di 60 anni almeno che non conosce vergogna visto che si concia così:
...però dico, già che c'eri, non potevi aspettare  il 24 di luglio?...
...così avremmo fatto il compleanno insieme!!!

martedì 23 luglio 2013

nuove passioni...Trono di spade

Ho scoperto da poco questa serie grazie all'amico Giorgihno.
Ed ora grido felice a tutto il blog- mondo: MA CHE FIGATONA è TRONO DI SPADE?
Diamo per scontato che era molto meglio il titolo tradotto dall'inglese, cioè "gioco dei troni", come lo definisce la perfidissima regina Cersy nell'episodio 7.
Ma i personaggi sono veramente fantastici e multisfaccettati. Gli Stark, cavalieri inside!, con il culto dell'onestà e della famiglia allargata; Jon Snow che cerca il suo posto nel mondo (Jonnino TVB); Tyrion Lannister, uno scherzo della natura nella sua famiglia e non perchè è nano, ma perchè non è stron§o come tutti i Lannister; e soprattutto la mia amicissima Daeneris Targarhian, che non si arrende al destino di donna e schiava, e che non si piega nemmeno alla sfiga più nera.
Insomma, ormai sono dipendente...e preparatevi: il prossimo "figone del mese" avrà di sicuro qualche sorpresa da parte di Games of Thrones!

lunedì 22 luglio 2013

Mutande da campo ROM

Inauguriamo questo nuovo tag, poichè certi splendidi momenti sembrano costellare la mia vita...e può essere catartico parlarne qui, nel mio angolo protetto dall'anonimato.
Da ormai 3 mesi, dicasi TRE, soffrivo di un persistente dolore all'anca.
Mi arrendo e vado dal mio medico di Inculonia, il dr House, per farmi prescrivere un antidolorifico.
Serafica, e senza pormi punto problemi, vado dal medico che mi dice "si spogli".
Si spogli???!
...ma è da quando ho 8 anni che nessun medico della mutua mi fa mai spogliare! nemmeno quella volta che pensavo di aver preso un fungo della pelle e mi squamavo come un pitone!
...e infatti, a dirla tutta, non ho messo le mutande del dottore.
Le mutande del dottore sono quelle che indossi solo per le visite mediche: semplici, asessuate, senza ammiccamenti...ma in buone condizioni, possibilmente in microfibra senza trasparenze. E' ovvio che come ogni donna che si rispetti le mutande del dottore ce le ho anch'io.
Peccato le avessi nel cassetto.
Faccio scivolare via i jeans accorgendomi che sfoggio un esemplare delle mie peggiori mutande. Quelle che avevo comprato in offerta all'Auchan. Quelle verdi che vendevano per i bimbi, 1.99€ il pacco da 7, e che ho comprato in misura 14enne ('tanto con le chiappe ci sto, al massimo si smolla un po' l'elastico...'). E -poichè verdi - sono chiaramente spaiate col reggiseno. E a dirla tutta si sono pure un po' rotte a livello elastico...
Mi tengo addosso la maglietta mentre il dottore mi tasta dal basso verso l'altro (e a saperla bene...mi sarei anche passata il rasoio, accidenti!!!) e mi diagnostica la lussazione congenita dell'anca, malattia tipica delle donne lombarde da generazioni.
"E...come la curo?" chiedo tirandomi su i calzoni, notevolmente sollevata.
"Non si cura. Al massimo, se si infiamma, si fa la cura col Brufen...e poi ti consiglio di perdere magari qualche chilo...soprattutto perchè se rimani incinta sei a rischio".
Oooh, che gentleman. Certo che dirmi che devo dimagrire dopo aver ben tastato la mia cellulite...ti piace vincere facile, eh?
 Torno a casa un po' depressa, e Mr T mi guarda un po' preoccupato.
"Sei così triste per l'anca?...dai, faremo degli esami... troveremo rimedio..."
Tiro su col naso. "Sì...è per quello...e perchè indossavo queste mutande qui!"
...ciò detto, calo le braghe.
Mio marito mi guarda esterefatto.
"Amore,...ma ti mancava di presentarti dal dottore con le mutande rubate al campo rom?...comunque tirati su...secondo me quelle mutande l'hanno così schifato che manco ti ha guardata bene!"

venerdì 19 luglio 2013

Mi tiro su per la pelle delle ginocchia

All'AaD è tempo di festeggiare: la chiusura del bilancio semestrale rivela che siamo ampiamente in positivo.
Beh, in questi tempi di crisi generalizzata ci si sente alquanto fortunati.
Un po' meno fortunati ci si sente, e un bel po' più incazzati, quando si scopre che i dirigenti si sono auto - assegnati bonus a 6 cifre...e hanno invece bloccato promozioni e aumenti di stipendio per noi plebaglia, chè si sa 'c'è la crisi'.
Ecco, mi risulta che lavoriamo per la stessa azienda, quindi il fatto che la crisi ci sia per me ma non  per te probabilmente è il terzo mistero di Fatima.

Non stupisce quindi che in questo clima idilliaco come una puntata dei Teletubbies, quando ti invitano alla cena di festeggiamento per gli attivi, la maggioranza delle persone risponda "ma anche no". (ok, non è la maggioranza, è 'quelli signorili').
Come in tutti i regimi dittatoriali però l'opposizione non è granchè benvista, sicchè il nostro Presidentissimo Francisco Franco si inventa di farlo passare per 'una giornata di formazione': e di fatto, se non vuoi partecipare, beh...devi prendere ferie!
Aggiungete poi che ha scelto come location una sperduta magione in campagna...e capirete come mai la faccenda ha assunto i toni della deportazione al bagno penale.
Su sedie scomodissime ci hanno tenuto il pomeriggio intrattenendoci con una tavola rotonda (cioè...gli esperti erano seduti in tondo, noi su queste sedie modello Vergine di Norimberga).
Dopo h 1, il sedere s'è informicolato e ha preso forma quadrata.
Dopo h 2, ho perso sensibilità agli arti.
Dopo h 3, è partito il ballo di San Vito.
Dopo h 4, allo start dell'ennesimo video motivazionale, i miei pietosi colleghi hanno avuto la forza di tirarmi su per i piedi e trascinarmi fuori.
E finalmente, scatta il momento del brindisi per cui ci hanno portato lì: e cena sia!
Peccato che come in tutte le magioni antiche con annesso ristorante novelle cuisine, non si mangi praticamente un c@zzo.
M'arriva un piatto con numero paccheri 4, al pomodorino e gamberetto (e vi giuro che il piatto l'ho rovistato bene...ma si vede che il gamberetto era freschissimo e se n'è andato per fatti suoi...). Successivamente un rotolino di branzino ripieno di melanzane grande come il pugnetto d'un bimbo.
Poi ci piazzano in mano un tubo di autan e ci dicono "per il caffè fuori".
E lì, parte il coretto stile bambina della Pic Indolor: "Già fattooooo?!"
L'unica cosa che abbonda e sovrabbonda è l'open bar.
E menomale, perchè ho bisogno di alcol per reggere certe visioni. L'enorme collega dell'organizzazione stringe a sè in un tango la perfida responsabile del personale, il Guardatore di Monitor allunga le mani su quelle che gli capitano a tiro...
Non resta che affogare in un mare di Bayley's...
certo che a volte sembra di lavorare con Fantozzi!!!






mercoledì 17 luglio 2013

ti prego lasciati odiare (e smetti di lasciarti leggere)

Ecco, quello tra parentesi sarebbe il giusto sottotitolo per questo libro che mi ha passato la insostituibile Moma. (prima o poi ti pagherò almeno una cena! i tuoi consigli librari e le tue forniture sottobanco stanno diventando una droga)
Già, perchè questo libro d'esordio della Premoli è praticamente come il tunnel dell'eroina: cominci con un assaggino - to, leggo due paginette tanto per gradire, finchè arrivo in stazione - e non smetti più per i tre giorni successivi.
Manco con marito e gatti alle calcagna.
La trama è abbastanza semplice, ma molto intrigante...
Jennifer è un'avvocato fiscalista di successo, spesso in conflitto con la sua famiglia 'ecosostenibile' per la sua vocazione finanziaria, che vive con le due amiche del cuore...e senza uno straccio di fidanzato a farle battere il cuore. L'unica emozione forte della sua vita è il prurito alle mani che le provoca Ian, il suo bellissimo e nobile collega, con cui in passato ha avuto scontri al fulmicotone.
Ed ecco, per una serie di impegni lavorativi, i due non solo tornano in contatto, ma anche sotto la luce dei riflettori: i tabloid li prendono per una coppia, e ad Ian fa molto comodo avere una tigre come Jenny per finta fidanzata.
Ma...fino a che punto finta?


Libro davvero molto leggero, carino, divertente...consigliato quando però siete lontane dal W.E. in famiglia,  vostro marito cercherà di staccarvi la batteria dell'e reader mentre ancora state leggendo pur di farvi uscire dal tunnel!

domenica 14 luglio 2013

Kebab

All'Aad s'è rotto l'impianto di condizionamento.
Ora so come si sentono i kebab sul girarrosto.

mercoledì 10 luglio 2013

ecco, e pensare che mi va ancora


Esattamente 3 anni fa.
Mi infilavo un paio di ballerine e mi avviavo a piedi verso la chiesa.
Piangevo come una vitella mentre mia sorella Osama cantava "Fratello Sole Sorella Luna" all'ingresso, accompagnata con la chitarra dai ragazzi dell'oratorio che avevo seguito io.
Mi infilavo nella Matiz più piena di palloncini del mondo.
Zompettavo nell'abito più da fatina dell'universo.
...ma soprattutto sposavo Mr T, la mia metà.
(e per la cronaca...l'abito l'ho provato stasera e  mi va bene ancora. Quasi quasi scappo alle Hawaii e mi risposo il mio Mr T sulla spiaggia come Brooke e Ridge)

martedì 9 luglio 2013

Possesso. Ossia, io ho capito che la Ward odia i suoi personaggi.

(attenzione, SPOILER. Spoiler - spoiler - spoiler. Ecco, ora vi ho avvertiti!)
...eccoci giunti alla fine di questo quinto libro dedicato alla Confraternita del Pugnale nero.
Che dire?
Dopo aver letto questo libro mi sono convinta che la Ward odia i suoi stessi personaggi.
No, ma che sfiga è?
Il volume è dedicato a V, il fratello barbuto dalla mano di magma.
Scopriamo su di lui le inaudite violenze subite nell'infanzia, e  - come se non bastasse - assistiamo all'incontro con la sua ignota madre: nientemeno che la Vergine Scriba (e dopo poche righe abbiamo la conferma che trattasi di Gran Str*nz@).
E' tutto?
ma va'.
E così V si trova a dover fare da Primale (ossia da fuco...) a tutte le Elette, ossia le schiave della sua cara mammina. Peccato che il ragazzo abbia giusto qualche problemino a gestire una vita sessuale ortodossa (mammina, ma questo non t'era venuto in mente, mentre lo lasciavi in balia di strupri e momenti necrofili quand'era affidato al papà?!)
Per non farsi mancare nulla...finalmente V s'innamora.
Di un'umana ironica (praticamente il corrispettivo di Butch...ma meno simpatica come tutte le brutte copie).
Donna in carriera.
Lievemente anaffettiva.
Inizialmente Jane sta anche simpatica, ma nel giro di un centinaio di pagine cominci a dirti che è...troppo.
Troppo rigida.
Troppo concentrata sulla sua missione.
Insomma, ...troppo da schiaffeggiare!
Evidentemente non lo penso solo io, ma anche la Ward che non si limita a farle tirare una centra. No, la fa proprio morire.
V non si rassegna alla dipartita: e decide di tagliarsi la mano normale.

Ovviamente senza risultato alcuno.
Ma che sfiga.
Qui la Mammina capisce che forse forsino ha esagerato...e fa tornare Jane, come fantasma.
E mo' ti voglio vedere come fai in ospedale, cara la mia carrierista...
Sì, c'è qualche problemino...tipo che sbiadisce, o che viene accidentalmente attraversata da altri Fratelli. V s'incacchia un po', ma tutto è bene quel che finisce bene.
E senza arti.
(tra Phury il Gamba di Legno e Vishous con la Manina Monca...sta diventando un centro disabili, altro che Pugnali Neri)
Punto focale 1: non pigghiamoci in giro, io lo so che Manello diventa un fratello. E' solo questione di tempo.
Punto focale 2: io lo so che Payne (la gemella!!!! ma cos'è, una novela venezuelana?!) diventa una fratella. E' solo questione di tempo.
 Punto focale 3: Ma Phury? Ma povero! non bastava entrare nella spirale dei tossici.
No, facciamolo sposare. In mezza pagina. Con 39 manichini biancovestiti e un'imbecille di nome Cormia.
E' senz'altro il modo migliore di risolvere il problema con Bella (per forza: è l'atto finale prima del suicidio! ...poraccio).
Comunque, supposta l'esistenza di un V- team e uno Z- team...
...appunto, la parola chiave è SUPPOSTA.
Z, Z uber alles!




lunedì 8 luglio 2013

Imprevisti e Probabilità

Oggi ho ricevuto il mio primo NUOVO 5 euri.
Praticamente sembra la banconotina del Monopoli (e un po' ne rispecchia il potere d'acquisto).
Speriamo che alla prossima pescata di improvisti e probabilità salti fuori una cosa tipo "torna la Lira..."
Alessandro Volta...mi manchi...pensare che duravi pure tre giorni tu! meglio di Sting...

mercoledì 3 luglio 2013

la foto del giorno su metro

ieri Metro (il quotidiano distribuito gratuitamente nelle stazioni) pubblicava la foto a fianco, in prima pagina.
Si tratta di un'elaborazione di un artista e ricercatore, Nickolay Lamm, che ha voluto confrontare Barbie, come oggi la conosciamo, con una bambola che riproduce le vere fattezze di una tipica diciannovenne americana.
Ora, quanto tipica non lo so...a New York ho potuto acquistare dei Levi's nel reparto 'teen', e posso assicurarvi che sono tutto fuorchè sottopeso. Quindi, indubbiamente si tratta di una bambola che riproduce una ragazza dal bel viso e buona forma fisica...che sembra chiattona a confronto della Barbie standard.
Lamm vuole lanciare il messaggio che, se si vuol smettere di condizionare le preadolescenti (nei casi più gravi spingendole all'anoressia per inseguire un modello irreale...) allora bisogna cominciare dai giochi.
E pensare che è già stato fatto un restyling volto ad eliminare i complessi, rispetto al passato: la Barbie della mia infanzia era molto più pettoruta, con fianchi più stretti e vita più esile (tant'è che gli abiti da bambola di oggi non vanno più bene alle Barbie anni 80...)
Comincio a capire da dove derivi un po' della mia insicurezza fisica!! :(

lunedì 1 luglio 2013

Revealed Lover...ma che titolo è?

Cioè, nella Confraternita del Pugnale Nero non siamo nuovi (...siamo? cioè, mi ci infilo anch'io nella confraternita? sto peggiorando) alle violenze sessuali, ma quale sarebbe l'amore violato nel titolo?...comincio a pensare che la Ward riempia una boccia di pesci rossi con bigliettini di possibili titoli, e poi estragga a caso...
Sia come sia, Lover Revealed, quarto libro.
Cominciamo a dire che ci è piaciuto un...sì, tre pallini. Anche abbastanza pieni.
In questo libro ci si occupa di Butch, l'umano da compagnia della nostra sarabanda di Vampironi Figaccioni. Che mi sta molto simpatico, col suo alcolismo da Lagavulin e i suoi denti scheggiati (particolare che mi fa alquanto tenerezza).
Finalmente si accoppia con Marissa, che cacciata di casa dal fratello Mike Bongior...ehm, Havers, si rifugia alla Confraternita.
Ecco, Marissa.
Già solo su di lei ci vorrebbe un post a parte.
Perchè va detto che manco Jane Austen sarebbe riuscita a farti stare simpaticiuissima una nobile così sfigata che a un certo punto, e con un bagaglio caratteriale di notevole loffiaggine (= per non legnanese -speaking: mollezza caratteriale), si trova a decidere da sola del proprio destino.
Ma la Ward, un pochino pochino...ce la fa.
Nel senso. Era come affrontare il tema "farti provar compassione per Barbie"...impossibile! Ma un pochino con Marissa ce la si fa...
E sempre e comunque: Z rules.

il figone del mese: 'N' OMO, 'NA BEEEESTIA

cominciamo alla grande il mese con quel bel fijolo di Jay Ryan, protagonista dell'(orrido) telefilm "Beauty and the beast".
...Che vorrebbe rifarsi al telefilm anni '80: oggi e ieri...
Il telefilm è palloso fino all'inverosimile: la protagonista è una poliziotta orfana di madre, che incontra lui, ex soldato vittima di una sperimentazione genetica che gli dà dei superpoteri e per questo vive ai margini della società.
'Na cagata.
Sarà che Kristin Kreuk ha il sex appeal di un panno di microfibra e che i dialoghi fanno rivalutare le televendite dei tappeti...
ma l'unico momento che si resta svegli è quando appare lui, e guardando le foto capite perchè!
(oltrettutto ha il fascino dello sfregiato...Z RULES!!!)