martedì 21 gennaio 2014

e così, sei andato via.

Mi hai spaventato, quando ti ho scoperto.
E dopo pochissimo, mi sono innamorata di te.
Dei vomitini, del mangiare crakers perché i dolci no, non li sopportavo più.
Ho immaginato i tuoi piedini da avvolgere nelle calzine, e le tutine che ti avrei infilato.
Ho immaginato i tuoi occhi che da blu neonato diventavano verdi, con le lunghe ciglia, come quelli meravigliosi di Mr T.
Mi hai sorpreso, quando ho cambiato ben due taglie del reggiseno, e quella pancia sempre più tesa, più duretta.
Ma poi sei andato via.
Non so quando.
Ma dall'ecografia, il dottore dice che ci sei stato proprio poco con me.
Solo che il mio corpo non l'ha capito.
Non 'ti espello, che strano, eppure è un corpo estraneo'. Così ha detto il dottore.
Pensa tu, il ginecologo: avrà tipo duemila anni, eppure è un idiota.
Tu non sei un corpo estraneo.
Tu eri, tu sei mio figlio.
E ci manchi, e ci mancherai per tutto il resto dei miei giorni.
Ciao, Francesco.

4 commenti:

  1. http://www.firenzecistaacuore.org/wp-content/uploads/2012/12/cropped-CUORE.jpg

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace così tanto ... vi abbraccio forte!

    RispondiElimina
  3. Tesoro mi spiace.. Ti abbraccio...

    RispondiElimina