Passa ai contenuti principali

principesse si diventa...ma anche no

Mia mamma e le mie sorelle mi hanno sempre definita 'ragazza dal gusto barbaro'. La definizione sta a significare che mi manca quel 'certo non so che' che fa tanto Audrey Hepburn, Grace Kelly o ...non saprei chi, ma ci siamo capite!
No, non è che mi vesta con stracci e magliette decorate con le macchie di sugo! ma certe volte risolvo con un paio di jeans, un maglione e chi s'è visto s'è visto.
Aggiungiamoci la crisi, che non mi consente certo di rifare il guardaroba ad ogni stagione. Però diciamo che in passato avevo la passione per abbinare bijoux originale, o rinnovare i capi da me (con applicazioni, nuovi orli...). Ultimamente anche questa passione, per preoccupazioni varie, è un po' andata in secondo piano, e davvero mi sto riducendo alla perenne mise maglione +jeans+ scarpe da ginnastica. Sempre. Natale, Capodanno non fanno eccezione.
Ecco perché mi faccio a volte sedurre da libretti tipo questo qui. Perché sogno di carpire quel certo non so che...che mi sfugge!
Cinzia Felicetti, direttrice di Cosmopolitan, è autrice di numerosi libri su charme e dintorni. Come avrete capito, io che sono anticharme e complessata, ne sono accanita lettrice.
Il punto è...
che dopo la lettura di questo libro ho la certezza che a me, la cosiddetta principessa, sta antipatica da morire!!!
E adesso? venuto meno il pungolo, ritroverò la forza di tramutarmi in maga dello charme?
la risposta è semplice...meglio 'buzzica' che 'spandona'! (tuttavia...dovrei almeno decidermi a mollare la scarpa da ginnastica bisunta...che dite, se le cerco rosa fanno più Audrey Hepburn??)

Commenti

  1. come ti capisco... ah come ti capisco
    il problema è anche... avercelo il fisico di Audrey Hepburn... e avercelo lo stilista di Audrey Hepburn
    cioè lei, la DIVINA, si metteva un maglioncino nero, i pantaloni neri a tre quarti e le ballerine nere e sembrava una regina, un'adorabile cerbiatta... io sembrerei Adele fatta di crack ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …