Passa ai contenuti principali

recempsione: le piace la musica, le piace ballare



Da qualche tempo ho scoperto la scrittrice Mary Higgins Clark. Il primo libro suo me l’ha regalato proprio la Sciura Maria, che d’estate, vedendomi trascorrere ore in giardino in compagnia di un libro, ha ben pensato di lasciarmene uno di quelli che ha apprezzato di più.
Pensavo fosse un romanzo rosa, banalotto…invece, oltre a quel tema, c’è anche il filo del thriller ad animare le pagine: in ogni suo libro c’è un mistero da risolvere.
le piace la musica, le piace ballare” mi è piaciuto più di tutti gli altri suoi libri letti finora perché sembra di guardare una puntata della Signora in Giallo e di Cryminal Minds insieme.

Erin e Darcy sono due designer, amiche di lunga data. La passione per il ballo le porta a conoscere in palestra Nona, produttrice di documentari, intenta a uno studio sugli appuntamenti al buio organizzati tramite annunci personali (n.d. Proletarina, mi puzza di Meetic!). Le ragazze, entrambe single, decidono di aiutare Nona con la propria esperienza: è così che una di loro incappa nel killer, emulo di Fred Astaire, che da anni uccide ragazze con la passione per la danza, strangolandole e lasciandole poi con una scarpa ‘normale’  e una splendida scarpetta da ballo. La sopravvissuta non accetta la triste fine dell’amica, e nel corso delle pagine fa di tutto per scoprire l’assassino, fino a mettere in pericolo la propria vita…
Che dire? Fino all’ultimo sono letteralmente saltata dal divano ad ogni pagina! Mi piacciono le atmosfere che l’autrice sa creare, e questo davvero batte ogni aspettativa!

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …