Passa ai contenuti principali

ho deciso di fare la maglia


  • Mi sto facendo un bel collo di maglia blu, l'idea è di decorarlo poi con trecce e filo glitter.
  • E mi conforta scoprire oggi su "Dire Donna" che il lavoro a maglia è sempre più sponsorizzato anche perchè è utile per:
    • Terapia psicologica: ferri e lana sono sempre più utilizzati come attività anti-depressiva, anche all’interno di contesti psicoterapici ben strutturati. Oltre a innalzare l’autostima dell’individuo, che crea con le proprie mani un vestito, far la maglia spinge anche alla socializzazione, perché attorno si crea una comunità fatta di incontri, consigli, lunghi pomeriggi a sferruzzare insieme. Un fattore evidenziato anche dal British Journal of Occupational Therapy, nella ricerca “The Benefits of Knitting for Personal and Social Wellbeing in Adulthood”;
  • Relax: così come sottolinea l’opera “The Relaxation Response” del Mind/Body Medical Institute di Harvard, la ripetizione di un suono o di un movimento aiuta a rilassarsi. Fra questi, proprio le azioni connessi a filo e ferri;
  • Concentrazione ed energie: in una scuola di Toronto, una professoressa ha deciso di insegnare a far la maglia ad alcuni studenti particolarmente deconcentrati e iperattivi. Con grande sorpresa, l’azione ha permesso ai ragazzi di calmarsi, di focalizzare l’attenzione e di raggiungere migliori risultati scolastici;
  • Demenza senile: diversi studi condotti sugli over 65 dimostrano come la maglia, così come qualsiasi altra attività sia in grado di stimolare la mente o di spingere alla ripetizione di precisi movimenti, aiuta il cervello a rimanere giovane e allontana lo spauracchio della demenza senile;
  • Felicità: lavorare con i ferri alimenta l’autostima, la soddisfazione personale, aiuta a rivalutare le proprie condizioni di vita e a vedere il mondo con occhi nuovi. Fondamentale sarebbe il colore: l’esposizione ai fili di tonalità accese riuscirebbe di per sé a stimolare un umore più propositivo. E sempre più organizzazioni se ne stanno accorgendo: in Gran Bretagna, ad esempio, Stitchlinks ha organizzato un network di appassionati per portare colore e relax all’interno delle strutture ospedaliere.
Stai a vedere che riesco a smetterla con dolci e alcol, a favore del gomitolozzo.

Commenti

  1. Se ti rende felice vuol dire aver raggiunto un bel risultato! Un bacio e che la maglia sia con te! Ps avevo letto "ho deciso di fare la magia" è un po' è così ❤️

    RispondiElimina
  2. Unica contro indicazione: i gatti vanno matti per i gomitoli :D
    buon lavoro :D

    PS: sai che anche il punto croce aiuta?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …