Passa ai contenuti principali

la fuga dei cervelli

In fondo lo sapevo: appena avessimo comprato casa lontano da Inculonia, gli amici di Mr T mi avrebbero messo il muso.  (Sia mai di trascinare l'amico lontano dal gruppo del paese, degli amici di sempre, anche se ci si vede una volta al mese...) E così è stato.
Tant'è che domenica, quando ci siamo incrociati, c'è stata una certa freddezza, accompagnata da frecciatine...
"Eh, sono sempre i migliori quelli che se ne vanno..." (toccate ferro. per favore.)
"E poi si parla di fuga dei cervelli, vedi?!"
Sennonchè ci corre incontro un cagnetto.
Libero, senza guinzaglio, spaventatissimo fa lo slalom tra le auto.
Lo placco, e noto che sulla targhetta c'è un numero di telefono: "Chiamiamo, forse s'è perso..."
Mr T esegue, scambia qualche parola: "Sì, abbiamo trovato il suo cane...in via Volta...Ah...Ahhh....Ah?"
E riattacca, attonito.
"Ma che c'è, arriva?", gli chiedo.
"Ehm...no, dice che lo fa sempre, ma poi torna...ora ci pensa lui..."
In quel mentre sentiamo il "quaquaqua" di un richiamo per anatre. Il cagnino drizza le orecchie e parte in picchiata dietro il suono, inerpicandosi su per una stradetta.
Ci guardiamo senza parole: evidentemente il padrone lo richiama così.
Mi volto a guardare il tizio della battuta precedente.
"Guarda che qui, da Inculonia, i cervelli sono già fuggiti....da tempo..."
Ci ride su.
Beh, almeno hanno capito le mie motivazioni!!!

Commenti

  1. Tze ma che discorsi, davvero.
    Certo quando c'è maggiore distanza magari si fa fatica a vedersi più spesso, però anche farlo pesare così non è davvero carino :(

    RispondiElimina
  2. guarda, non me lo dire...:( mi aspettavo un po' di comprensione, visto che conoscono un po' la situazione (i miei suoceri non stanno benissimo, qui sono molto lontana da lavoro e anche mal comoda con nido e vari servizi... a differenza delle mogli varie che hanno suocere e madri giovani e pensionate, e lavorano in paese...) Vabbé, tanto si sa che tutti sono bravi a parlare a vanvera...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …