Passa ai contenuti principali

faccio cose, vedo gente#3# l'addio al nubilato

Ci avevo anche provato, ad arrivare a casa prima dell'addio al nubilato di Maria Rosa.
Ero piena di buoni propositi: "arrivo in stazione, parcheggio vicina ai binari, mi fiondo a casa, doccina veloce e poi vado al Fontanile, destinazione addio al nubilato".
Ma - si sa - le cose non vanno mai come programmo io.
Il corso di formazione del mattino è stato funestato da Legale Logorroico, che ha fatto interventi a proposito e a sproposito, facendoci perdere un sacco di tempo, ritardando con osservazioni e polemiche inutili l'uscita a fine giornata. Ed ecco che mi sono trovata a lavarmi i denti con lo spazzolino di fortuna (un residuato bellico di distributore automatico, souvenir di un passaggio all'aereoporto di Linate...che fortuna avere la borsa modello Mary Poppins) e un goccio di sapone liquido (bleahhhhh...ma sempre meglio della fiatella, o di pezzetti di rucola incastonati tra i denti)...a correre come una disperata tra metrò e treno, rifacendomi il trucco pigiata tra i pendolari (e imprecando alla volta del campioncino di BB cream trovato nel giornale, che m'ha regalato un allegro colorito arancione)...e peggio che tutto, ad arrivare alle 19.10 in stazione, quando l'appuntamento per la cena di addio al nubilato era alle 19.45.
Guardo l'orologio, calcolo la strada e il traffico e capisco che non ce la farò: niente doccia.
Ma davvero devo presentarmi all'appuntamento con l'ascella aggressiva? non me la sento...la soluzione è lì, nel cruscotto: gel disinfettante per le mani all'aloe. Delicato, profumoso, erboristico: una generosa manata e - paff! - lo spiaccico sotto l'ascella. Sennonché...sennonché c'è alcol nella formulazione, e io sono fresca di depilazione al rasoio.
Mi tocca di guidare ad ascelle larghe, con un gomito fuori dal finestrino e l'altro all'altezza della spalla, cercando di guardare la strada attraverso le lacrime.
Però sono stata ricompensata da una serata fantastica, con le amiche di sempre, nella pizzeria della mia giovinezza (quella del casino, delle cene a tirar tardi, dove il gestore ti chiede 'il solito?' ...); una serata a prendere in giro le spose che tronfie gironzolano con cerchietti decorati da piselli finti; una serata a raccontarci parti, vita, morte, miracoli, lavoro, mal di sciatica, clacson incastrati che fanno muggiti...e ad analizzare la formulazione del gel della Bottega Verde all'aloe, chè forse forse chiederò il risarcimento, e mi sistemo per la vita.
(brucia, fa male, ma resta un simbolo ormai per me...)
Vi voglio bene, amiche.

Commenti

  1. Prossima volta il disinfettante sotto le ascelle spalmalo una volta che sei arrivata a destinazione così non hai il problema della macchina

    [grazie perché non succede solo a me e perché mi sono fatta una bella risata]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha, prego Moma, non ti preoccupare, me ne inventerò altre per farti ridere!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …