Passa ai contenuti principali

Emma - 1° tappa - il nostro Club di Jane Austen

Altro mese, altra corsa!
Avete patito con Anne la sfigatella? Avreste voluto gridare un 'ce la fai' a Caterine Morland?
Preparatevi: nulla rivaleggia con la voglia di prendere a schiaffi Emma Woodhouse, anche a detta della stessa Jane Austen.
Emma, ricca e di nobil schiatta, vive nella casa con quel rinco...ehm, quel sensibile signore che è suo padre.
Vive con rimpianto il matrimonio della sua ex governante, di cui però si arroga ogni merito come Cupido. Avversata dal signor Knightley, fratello del cognato e vicino di casa (l'unico che, pur in linguaggio austeniano, osi dirle "ma sei rinconiglita?!"), Emma non demorde; vuole organizzare un altro matrimonio.
Tipo tra il vanesio pastore del paesello e Harriet, educanda figlia di nessuno (nel senso che lei per prima non sa chi sia il padre).
Harriet, placida come una tenera mucca pezzata al pascolo, mica si domanda chi sia suo padre, chi sposerà, quale sarà il suo destino: cuor contento il ciel l'aiuta, e si gode la sua vita quotidiana con buon successo (peraltro, riuscendo anche a rimorchiare un amabile agricoltore).
E il cuore di Harriet resterebbe contento e aiutato, senza Emma di mezzo, che rimbambendo la povera educanda di chiacchiere, la convince a smollare il contadino in favore del pastore, ormai cotto di lei.
Di Harriet, vi chiedete? Ma claro que no: innamorato di Emma, e del suo patrimonio. Fatto chiaro al mondo intero, tranne che alla stupefatta protagonista (stupefatta in quanto facente uso di stupefacenti).
La prima tappa si conclude con la povera Emma, che perplime di fronte ai sempre più evidenti corteggiamenti del pastore Elton. Sullo sfondo, il padre rimba cerca di rifilare a tutti scodelle di pappa d'avena, a suon di comizi sul tema.

Che dire?
Di Emme, è pieno il mondo.
Le Emme che non fanno fatica a farsi benvolere, per il bell'aspetto.
Le Emme di facile parlantina, pronte a intortare il mondo.
Le Emme che non conoscono il lavoro duro, né le ristrettezze economiche.
Le Emme che dall'alto del loro privilegio giudicano gli altri dall'alto in basso con il loro metro, che "questo non è chic", "è terribilmente fuori luogo vestirsi troppo semplicemente", che "lavora troppo per conversare decentemente".
Le Emme che si chiamano Minetti, Pascale... quante ne conosciamo, anche nel nostro quotidiano?

E dall'altra parte del mondo, ci siamo noi principesse proletarie.
Che la bellezza ce l'abbiamo dentro.
Che impariamo a ribattere a prezzo di molti cartoni nei denti.
Che  sappiamo lavorare, e che ci guadagniamo la nostra felicità ...e possiamo fare il tifo per noi stesse.
Noi che non giudichiamo chi compra gli abiti al mercato, chi rammenda i calzini, che si addormenta sul treno dei pendolari alle 7, invece di guidare il SUV verso la palestra.
Noi che ci chiamiamo Elizabeth Bennet, e che ci distinguiamo dalla massa perché sappiamo sorridere delle piccole cose, e prendere gli altri per ciò che sono...

Nonostante tifi disperatamente per un matrimonio gay  Martin - Knigthley, pur di far finire Emma a farsi un esamino di coscienza, non posso fare a meno di stimare la zia Jane per aver tratteggiato un personaggio che è ancor oggi così moderno.

Commenti

  1. Adoro le tue recensioni ^_^
    sono proprio contenta che tu sia entrata nel Club :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …