Passa ai contenuti principali

Mansfield Park - 2° tappa - voti di amanti e amanti al televoto!

Seconda tappa per "Mansfield Park", che - come già detto - mi sta piacendo tantissimo. Questa seconda tappa è stata un po' contestata dalle altre Janine (=lettrici di zia Jane; per altro Gianino è anche il vermino in torinese...ed essendo tutte iscritte ad Anobii...). Il motivo della contestazione è stata proprio l'eccessiva concentrazione su vicende teatrali.
Abbiamo lasciato Fanny, sprovvista di cavallo, vagare per la campagna per portare le rose a casa di zia Merdis (...lo so, ogni volta il nome peggiora...), afflitta da solitudine e mal di testa, mentre l'ottimo Edmund si reca a casa del pastore Grant per broccola...ehm, ascoltare l'arpa di Miss Simpatia Crawford. Quest'ultima, dimentica del progetto iniziale di far innamorare di sè il primogenito di casa Bertram, Tom (che dal canto suo sembra più assorto a spendere i suoi averi al Totip), ormai ha ripiegato sul nostro Bietolone, e conta di convertirlo da 'simil pastore' ad avvocato.
In realtà, Crawford rules: specialmente Mr Crawford, fratello di Simpatia. Il nostro Bassetto (a riprova che nella botte piccola ci sta il vino buono) ha conquistato Julia e Maria, la cugina fidanzata; e le due si tirano le peggio frecciate per la conquista del figo del gruppo.
Già, perché Maria è fidanzata con Mr Rushworth, un uomo che ha due fortune: quella economica, e la dotazione di un cervello spongiforme, che lo aiuta a non comprendere in tutta la sua gravità, la cavolata che sta per fare nello sposare quella zoccolon@ di Maria.
Fanny continua a sopravvivere a malapena, tra la zia Merdis e le cugine che tendono ad abbandonarla nel bosco durante le gite estive (come Gretel, ma senza Hansel, visto che Edmund pensa bene di piantarla a sua volta tra gli olmi per rincorrere zompettando Simpatia Crawford). Ciononostante vive gravi preoccupazioni per il benessere di Spongiform Rushworth e le due cugine; soprattutto nel momento in cui un amico di Tom, ossia  Mr Yates, giunge in visita a Mansfield Park, carico di voglia di fare...teatro.
Le due cugine, che hanno anche loro molta voglia di fare ...teatro, si lanciano nella sceneggiatura di Lover's vows (...la storia: eccola qui).
Maria e Julia, una volta stabilito che Crawford sarà Frederick, sono pronte a venire alle mani per aggiudicarsi il ruolo di Agatha, ossia la madre di Frederick, personaggio che passa i tre quarti del tempo tra le braccia del figlio. Scatta il televoto in pieno stile Uomini e Donne, e ...su votazione dello stesso Crawford, la prescelta è Maria.
(sì,...Maria  e Julia come Katiana e Valeriana  )

Tragedia per Fanny, la quale - ahimè - comincia a sospettare che la cugina Maria non sia solo la primogenita, non sia solo fidanzata, non sia solo arrampicatrice sociale, ma sia insomma un po' un mig**ttone.
Fanny, nonostante sia circondata da gente che sviene l'una tra le braccia dell'altra con la scusa della recitazione, non cede alla follia collettiva; trova il tempo per ascoltare le prove di tutti, anche di Spongiform e Bietolone (che, prima di scoprire di dover impersonare il fidanzato di Simpatia Crawford, aveva ricusato ogni ruolo). Fanny si commuove per Julia la sfigata, viene maltrattata da zia Merdis che la vorrebbe al servizio dei capricci dei cugini...e sogna il ritorno di Sir Thomas da Antigua, per porre fine all'isteria collettiva.
E alfine, sì! torna Sir Thomas, prima della fatidica rappresentazione, ponendo fine alle vergogne...e anche alle speranze di Maria.
Infatti Crawford fa da subito capire che, nonostante gli strusciamenti nelle prove, non ha serie intenzioni verso la giovane Bertram; e per meglio sottolinearlo, se la dà a gambe, verso lo zio di Londra.
A Maria non resta che sposarsi con Spongiform, e andare a Brighton con Valeriana.
Finalmente unica fanciulla di casa, per Fanny si preparano tempi rosei, protetta da Sir Thomas contro zia Merdis...
(fine tappa).

Commenti

  1. La zia merdis di Coso il giorno prima del matrimonio di mia cognata le ha detto che si era ingrassata ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …