sabato 15 novembre 2014

camera con vista - prima tappa

Premessa: ho sempre voluto leggere Camera con vista, soprattutto perché dopo aver visto il film per me ormai George Emerson è quel bel figliolo di Julian Sands.
Finora la parte che più mi è piaciuta è quella in cui Lucy capisce di avere voglia di vita, di essere stufa delle convenzioni, e si avvia a Piazza della Signoria verso sera.
Non so se solo a me è capitato, ma ogni volta che metto piede a Firenze e posso circolare lì, sola, mi sento immensamente viva...farei qualsiasi cosa per stringere il mondo tra le mani..

Insomma, mi parte la colonna sonora "Meraviglioso" nella testa.

Nessun commento:

Posta un commento