giorni epici: R DAY

Ebbene sì, ieri è stato il mitico RDay (R come rogito, yeah).
Chiaramente sveglia dalle 5, preda dei peggio dubbi: ma andrà tutto bene? avrò scordato qualcosa?...
Risultato: mi sono svegliata con quel senso di rincoglionimento completo, che contraddistingue da sempre tutti i miei giorni epici:
* la maturità,
* la laurea,
* il matrimonio,
* il rogito...
Che in effetti, è un po' stato un secondo matrimonio: da ieri io e la Banca siamo unite indissolubilmente per vent'anni almeno. Nun me ce fate pensa'. Due cuori e un debito, per i prossimi vent'anni.
Che bello però.
Non pensavo che far debiti potesse essere così bello.
I momenti TOP della giornata...
1) uscire di casa, e guardare se dietro l'angolo ci fosse la banda. Perchè nei giorni epici c'è sempre stato un discreto casino, ho una famiglia rumorosa, per cui non so perchè mi sembrava tutto ovattato, troppo silenzioso...
2) leggere l'atto di compravendita, e avere un mancamento nello scoprire che le tasse sono di 6.000 e rotti euri. "Oddio, e io ce li ho?...ma l'avevo conteggiata, l'IVA?..." Il notaio mi ha rassicurato, così marito e agente immobiliare. Ma ho capito che l'avevo già conteggiata solo sul treno di ritorno, dopo 20 minuti a pensarci, e con l'operazione scritta sull'agenda, e le varie sommine.
3) leggere l'atto di mutuo, vedere il direttore che preda di un mancamento esce dalla stanza gridando "ma no, è un errore, un tasso così basso?!" ...io e il Notaio ci guardiamo tipo l'urlo di Munch, mentre ci ripassano davanti 11 mesi da incubo...il direttore rientra e dice "no, è così, è che c'è stato un altro taglio dei tassi..." (grazie Renzi, hai sputtanato l'Italia, ma mi hai donato un mutuo sostenibile)
4) far fatica a staccare le ditina dall'assegno di 120mila testoni (ragazzi, mai più! tutti quei soldi in mano, in un solo istante!)
5) uscire e fare il varo della casa col notaio, e prendere il caffè corretto alle 11.30. Ne abbiamo passate troppe.
6) Nascondersi nel cortile, simulare il fucile a pompa e sibilare "fuori dalla mia proprietà" a Mr T e all'attonito papà
7) Ricordarsi solo la sera a cena che quando il direttore è rientrato per l'Habemus Tassum, sei esplosa in un "Yeah" col braccino piegato a ombrello (vi giuro, era inconsulto e l'avevo rimosso finchè Mr T non me l'ha ricordato)
...da ieri vago sulle nuvole, perchè mi hanno sganciato una palla di piombo dai piedi!!

Commenti

  1. Oddio al punto 3 a me sarebbe venuto un infarto e poi mi sarei trasformata in Hulk avrei rigirato la scrivania del direttore urlando come un tirannosauro!!!
    Sono molto contenta per voi... non è finita però adesso c'è il trasloco ^_^

    RispondiElimina
  2. Durante il mio rogito invece il notaio, visto che eravamo in un clima iper-amichevole, ha offerto il caffè a tutti. Ovviamente la mia controparte è stata talmente maldestra da rovesciarlo sul tavolo con tutti gli atti appoggiati.
    Ora posso vantare un bellissimo atto notarile con una macchia di caffè :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

i gruppi di whatsapp

Le pezze are back