martedì 16 dicembre 2014

le avventure della ragazza cattiva _ Vargas Llosa

Secondo libro prestatomi da Barbie Limone.
la trama: Ricardo conosce la "ragazza cattiva" da adolescente, a Lima, e per trent'anni la rincorre in lungo e in largo per il mondo, colpito da un amore folle e sconsiderato. Lei ama nascondersi sotto false identità, è sempre in fuga da qualcosa, irretita da ideali politici, alla ricerca di libertà, ma anche di patrimoni da depredare. La rincontra a Parigi, dove lei è di passaggio, guerrigliera della MIR destinata all'addestramento a Cuba: sull'isola seduce un capo castrista, poi un diplomatico francese che la riporta con sé in Europa. Seduce poi un benestante inglese, per poi finire con un mafioso giapponese, che la devasta nel morale e nel fisico con ripetute, terribili violenze sessuali. Ogni volta Ricardo è lì a proteggerla. E ogni volta lei riprende la sua via di fuga.(da IBS)
Bellissimo.
Devo dire che non è assolutamente il tipo di libro che comprerei o leggerei mia sponte, ma l'ho fatto appunto perchè indotta da Barbie Limone (pena lo sfracassamento dei marones ad ogni incrocio alla macchinetta del caffè). 
Ma forse per questo è stata una piacevole sorpresa. Le descrizioni, così come i sentimenti del protagonista, sono tutto fuorchè scontati.
Tu, a pagina 80, avresti ampiamente deciso (fossi in Ricardo) che il prossimo incontro con la nina mala avrà come oggetto "andare affanQlo: quali vie, i costi, e soprattutto com'è che ancora non ci sei andata?!"
Lui, invece, no. Si rovina per lei, manda a quel paese la sua vita per questa cialtrona disgraziata che fino a pagina 352 il lettore può solo odiare. Perchè Ricardo non è un debole, ma un nino bueno che affronta il peggio per lei. 
Conclusione: beh, tutto sommato alla fine non ti lascia un brutto sapore. Ma ti lascia comunque l'idea di una vita sprecata. 
Mah?!
(e i libri meglio riusciti, i capolavori veri,...credo siano quelli che per almeno un punto ti fanno dire 'mah'...)

1 commento:

  1. non riuscirei ad affrontarlo in questo momento. Solo cose leggere leggere.
    Se poi c'è una cosa che mi mette agitazione e ansia è la sensazione di star sprecando la mia vita. No, mi dispiace ;)

    RispondiElimina