lunedì 24 novembre 2014

New entry nel mondo AaD – Barbie Limone

Si sa che – per non annoiare – tutte le telenovelas ogni tanto devono introdurre dei nuovi personaggi, buoni o cattivi. Ecco perché da noi è arrivata Barbie Limone. Barbie Limone ce la siamo trovata in regalo dopo un ultima acquisizione aziendale, e siccome dove ci sono io c’è casino, chiaramente mi sono ritrovata a seguire pure questa sòla…con lei. Barbie Limone, bionda e carina, aveva una posizione importante nella precedente azienda…ecco perché all’inizio mi trattava un po’ da “miss Nessuno” (okay, questo però sto notando che è un fatto distintivo del mio karma). È bastato lasciarci lavorare un po’ insieme però perché si rendesse conto di come Miss Nessuno le possa essere utile…e fu così che ritrovai il mio nome di battesimo.
E non solo! Barbie Limone ha scoperto che sono un’appassionata lettrice (e pure lei, riconosciamo onore al nemico), e così ha cominciato a passarmi i libri…grazie, ma non mi incanti. Anche perché ogni tanto, più forte di lei, scatta l’attimo Limone.
Barbie Limone  - Ah, hai fatto il colore ai capelli…
Proletarina – Sì, mi è uscito un po’ troppo scuro forse…è diverso…
Barbie Limone  - ……………., beh, peccato, non li puoi ritingere subito che ti si rovinano…
(come a dire che te faccio c@gà? No beh grazie!)
Oppure
Barbie Limone  - Ho saputo che sarai al prossimo evento…
Proletarina – Sì, faccio animazione in aula,…mi ha scelto Mignolo
Mignolo – sì, le ho fatto regalare anche un bel tubino nero!
Barbie Limone  - non metterti però i Dr Martins eh!…
(porto spesso i Doc al lavoro. 1. Ci sto comoda 2. Se non devo incontrare nessun cliente, perché soffrire? 3. Ormai ho un piede tatuatissimo, la ‘rispettabilità’ me la sono già giocata)
Ma ti pare che sia la specificare? Tubino alla Audrey e Doc Martins???

L’acidità
è una roba brutta.
Ma brutta butta.

venerdì 21 novembre 2014

decadenza

"...Il punto è che quando si crea un vuoto, arriva qualcosa a riempirlo. L'acqua, l'aria ...o la passione".
Camminando lungo il fiume con Catania, la mia mano stringe il suo braccio, mentre cala la sera.

mercoledì 19 novembre 2014

il figone del mese JULIAN SANDS

UEHHH, qui si batte la fiacca...siamo già a metà novembre e non s'è ancora pubblicato il figone del mese.
Che, nel nome di "Camera con vista", non può che essere lui, Julian Sands, protagonista negli anni '80 del film che n'era stato tratto.

nonché notevole figone, ne concorderete.

martedì 18 novembre 2014

giorni epici: R DAY

Ebbene sì, ieri è stato il mitico RDay (R come rogito, yeah).
Chiaramente sveglia dalle 5, preda dei peggio dubbi: ma andrà tutto bene? avrò scordato qualcosa?...
Risultato: mi sono svegliata con quel senso di rincoglionimento completo, che contraddistingue da sempre tutti i miei giorni epici:
* la maturità,
* la laurea,
* il matrimonio,
* il rogito...
Che in effetti, è un po' stato un secondo matrimonio: da ieri io e la Banca siamo unite indissolubilmente per vent'anni almeno. Nun me ce fate pensa'. Due cuori e un debito, per i prossimi vent'anni.
Che bello però.
Non pensavo che far debiti potesse essere così bello.
I momenti TOP della giornata...
1) uscire di casa, e guardare se dietro l'angolo ci fosse la banda. Perchè nei giorni epici c'è sempre stato un discreto casino, ho una famiglia rumorosa, per cui non so perchè mi sembrava tutto ovattato, troppo silenzioso...
2) leggere l'atto di compravendita, e avere un mancamento nello scoprire che le tasse sono di 6.000 e rotti euri. "Oddio, e io ce li ho?...ma l'avevo conteggiata, l'IVA?..." Il notaio mi ha rassicurato, così marito e agente immobiliare. Ma ho capito che l'avevo già conteggiata solo sul treno di ritorno, dopo 20 minuti a pensarci, e con l'operazione scritta sull'agenda, e le varie sommine.
3) leggere l'atto di mutuo, vedere il direttore che preda di un mancamento esce dalla stanza gridando "ma no, è un errore, un tasso così basso?!" ...io e il Notaio ci guardiamo tipo l'urlo di Munch, mentre ci ripassano davanti 11 mesi da incubo...il direttore rientra e dice "no, è così, è che c'è stato un altro taglio dei tassi..." (grazie Renzi, hai sputtanato l'Italia, ma mi hai donato un mutuo sostenibile)
4) far fatica a staccare le ditina dall'assegno di 120mila testoni (ragazzi, mai più! tutti quei soldi in mano, in un solo istante!)
5) uscire e fare il varo della casa col notaio, e prendere il caffè corretto alle 11.30. Ne abbiamo passate troppe.
6) Nascondersi nel cortile, simulare il fucile a pompa e sibilare "fuori dalla mia proprietà" a Mr T e all'attonito papà
7) Ricordarsi solo la sera a cena che quando il direttore è rientrato per l'Habemus Tassum, sei esplosa in un "Yeah" col braccino piegato a ombrello (vi giuro, era inconsulto e l'avevo rimosso finchè Mr T non me l'ha ricordato)
...da ieri vago sulle nuvole, perchè mi hanno sganciato una palla di piombo dai piedi!!

sabato 15 novembre 2014

camera con vista - prima tappa

Premessa: ho sempre voluto leggere Camera con vista, soprattutto perché dopo aver visto il film per me ormai George Emerson è quel bel figliolo di Julian Sands.
Finora la parte che più mi è piaciuta è quella in cui Lucy capisce di avere voglia di vita, di essere stufa delle convenzioni, e si avvia a Piazza della Signoria verso sera.
Non so se solo a me è capitato, ma ogni volta che metto piede a Firenze e posso circolare lì, sola, mi sento immensamente viva...farei qualsiasi cosa per stringere il mondo tra le mani..

Insomma, mi parte la colonna sonora "Meraviglioso" nella testa.

venerdì 14 novembre 2014

Moduli impazziti

Siamo agli sgoccioli, se Dio vuole...a breve rogito.
Peccato che invece sia in alto mare con la richiesta dell'attivazione del ga
Dopo aver molto dibattuto sul perché non potevo attivare direttamente Enel Gas, mi arrendo e mi rivolgo all'azienda locale del gas.
E dopo esserci dovuta andare di persona...e aver perso mezz'ora di tempo...mi sento rispondere che no, non bastano i 52 allegati che mi ha fornito l'immobiliare. Ce ne vogliono altri 82. Fra cui l'I40.
Al che, giuro...mi sono sentita tanto come Asterix nelle "12 fatiche".
Mi sono pure girata a cercare Obelix.