Passa ai contenuti principali

l'insostenibile pesantezza di Jane - 3° tappa

Sarà che - stordita dai mille cambiamenti che hanno contrassegnato il 2015 - sto ancora rodando tempi e spazi di lettura. Ma al momento, l'unico libro in lettura è "Jane Eyre" che sto leggendo con il Club...e che incredibilmente sono in pari con le tappe (w la coerenza! ...visto che stavolta le tappe le ho fissate io...)
In questa terza tappa, vediamo finalmente svilupparsi e rivelarsi l'amore tra Jane e Mr Rochester (altrimenti detto il Brutto che Piace).
BCP all'inizio della tappa sembra nutrire una passione per Miss Ingram, ospite in allegra combriccola di Thornfield. La ragazza si distingue per: du' spalle che fanno invidia a un rugbista, un carattere lievemente di merd@, la puzza sotto il naso, e fa capire a Jane che - una volta sposato Rochester - sbatterà fuori lei e la piccola bastarda di Rochester senza se e senza ma.
Jane dal canto suo ha ben altri cavoli da sistemare: finalmente la zia Reed ha deciso di tirare le cuoia...e lo fa non senza prima aver fatto sapere a Jane che la odia ancora, e che ha fatto sì che morisse diseredata. E Jane? le sputa in faccia prima di morire? resta a curare che venga seppellita sotto il letame? ...quantomeno si frega due spille prima di tornare a casa?...no. Lei perdona. E resta pure a sistemare i bagagli delle due cugine scemepagliacce.
(Jane tu non capisci un c@§§o#1)
Tornata a casa, più povera di prima, non le resta che apprendere da Rochester che è prossimo al matrimonio con la Simpatia Canaglia Ingram. Jane piange...e lì finalmente rivela a Brutto che Piace il suo amore. E scopriamo che l'infame ha solo fatto finta per provocare una reazione!
Felicità gaudio e una discreta dose di pruriti seguono questa rivelazione. Si affrettano le nozze...sennonchè il giorno delle nozze stesso, la terribile rivelazione: Rochester è sposato con una creola pazza, segregata a Thornfield. Il matrimonio tra Jane e Rochester viene interrotto da Mason, fratello della pazza, inviato dallo zio di Jane. (Oh zio, ti sei fatto i c@zzi tuoi vent'anni, ma vai avanti ancora un po'! no?)
BCP non molla...e cerca di convincere Jane a convivere more uxorio da un'altra parte. Ma lei, chiamata a un più alto valore morale, decide di partire...con due soldi in croce e il suo povero pacchettino, scappa nottetempo.
(Jane tu non capisci un c@§§o#2)
Fine terza tappa, la prossima è il finalone.
Riflessione 1: Jane è una femminista antelitteram, che non vuole dipendere da nessuno, ma donare il proprio affetto da pari a pari.
Riflessione 2: leggere oggi il finale di questa tappa, quando la convivenza è costume diffuso...fa un po' ridere e un po' innervosire.

Commenti

  1. Bello il progetto.. m'hai fatto venir voglia di leggerlo.... com'è lo stile? piacevole e scorrevole o ti cementa 15 minuti nella stessa pagina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no assolutamente non è pesante! anziii

      Elimina
    2. Beh allora mi sa che mi hai convinta! Me lo faccio prendere dalla mia sister in biblioteca :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …