Passa ai contenuti principali

baby boom

Attorno a me è un proliferare di pance.
Chi aspetta, chi ha appena sfornato, chi non aspetta ma ci pensa.
Perchè la cosa mi lascia così...perplessa?

Non riesco a non vedere questo 'parallelo'.
...
Credo che la maternità mancata mi abbia molto cambiato.
Ogni tanto penso a lui, al Pandarino, che adesso avrebbe sei mesi. Penso che lui non è venuto al mondo, ma è venuta al mondo una nuova me.
Più spietata.
Meno disposta a sentire raccontare, e a raccontarmi, bugie.
Sono diventata una che ha per religione "voglio essere felice, e il resto vaffanculo".
Ne sono fiera?
Boh.
A volte. A volte meno.
Ma penso che per ogni giorno di questo dolore, c'è una ragione.
Che forse dovevo imparare. Imparare ancora molto, prima di essere madre.
E la prima, era imparare a non dire, a non dirmi bugie, e a non mettermi in secondo piano mai.
Perchè così arriverà il giorno, se avrò fortuna di diventare madre, in cui saprò qual è la cosa giusta da insegnare a mio figlio.
Che la vita è troppo piena di dolori che ti capitano tra capo e collo, per non inseguire la felicità solo per non fare figure di merd@ o per "fare la cosa giusta".
Che le cose importanti non si chiudono in un armadio, e non hanno chiavi.
Che il giorno in cui smetti di divertirti è il giorno in cui devi cominciare SUBITO a farti domande.
Che non sei mai pronto per la vita, ma sei pronto per il giorno dopo, e puoi affrontarlo.


Non ho imparato tutto.
Ma ho imparato a smettere di dirmi balle.
Ho imparato che, se un giorno avrò la fortuna di restare incinta ancora, e di diventare madre, avrò paura.
Ma non chiuderò mai più gli occhi su nessuna delle mie emozioni.


Commenti

  1. http://www.paroleamiche.com/wp-content/uploads/abbraccioimg.jpg

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …