Passa ai contenuti principali

Via col Vento - 1° tappa

E' partito un po' in sordina, questo nuovo appuntamento.
Pareva che nessuno volesse aderire a questa lettura in gruppo per il club di Jane, invece, a qualche giorno dall'inizio di febbraio, mi sono trovata altre 2 coraggiose pronte all'avventura, Chiara e Nuvolette.

Quanto a me, ho recuperato il libro in modo rocambolesco: al Libraccio dei bastioni di Porta Venezia, e più precisamente in zona 'feccia'...l'ultimo stadio  prima del macero. Mi aveva inviato lì il mio commesso preferito, un brav'uomo che si distingue dai colleghi per essere l'unico educato. Dopo averlo recuperato in mezz'ora (non sono catalogati nè in ordine) vado a pagarlo da un'altra becera. Uscita dal negozio ho visto il mio commesso farmi cenno attraverso la vetrina. Dopo aver sollevato vittoriosa il mio reperto bellico, scatta il sorriso col pollice su... sembrava di essere nel video di Big Me

...insomma, a tanta serendipità non potevo resistere. Ho cominciato a leggere questo grande classico, che mia sorella Osama mi ha fatto sciroppare in versione film quelle NOVE DIECI volte.
Scoprendo così che, oltretutto, è scritto benissimo.
Premesso che il film trovo sia stupendo, ma di Rossella si riesce comunque a cogliere solo una piccola parte.
Mentre Margaret Mitchell non risparmia alla sua protagonista proprio niente: è scaltra, superficiale, vanesia, egoista. In due parole, una STRONZ@ fatta e finita.
Si sposa per interesse e senza la minima coscienza, solo per salvaguardare il suo orgoglio. E altrettanto non si fa scrupolo di sfruttare la cognata - nemica Melania. Una roba che vorresti picchiarla da mane a sera, altro che Emma Woodhouse. Eppure...
...il fatto che la descriva così intensamente ti fa dire " ma non è che sono un po' così anch'io?"...e in qualche modo...comincia a risultare più simpatica...e a fare un po' di tenerezza, con la sua incapacità di dirsi la verità su se stessa e chi la circonda...
(così bellina da farne una barbie. Anche se l'abito dell'inizio era a fiorellini verdi, nel libro)

Commenti

  1. sono partita in ritardo, ma già mi piace! Concordo con te: è scritto davvero bene!

    RispondiElimina
  2. Oh, ma sono io la Chiara!
    (sì, ho capito adesso chi sei tu....)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …