mercoledì 18 febbraio 2015

Via col Vento - 2° tappa e 1/2

(ci tenevo a far vedere la mia copia pulciosa, pagata 2 euri dal fondaco del Libraccio)
(quindi sì, quello è il bancone della mia meravigliosa nuova cucina)
Quand'ero ragazzina, mia sorella mi faceva vedere Via col Vento a ciclo continuo. certo, godevo molto degli splendidi costumi, delle scenografie...ma tutto sommato capivo poco del fascino della leziosa Rossella. Per non dire del baffetto unto di Clark Gable.
Ora che lo sto leggendo, c'è davvero molto di più: innanzitutto l'elemento della guerra. I protagonisti sono dalla parte 'storicamente' ingiusta. Difendono lo schiavismo, il privilegio di casta...e sono destinati alla sconfitta. Vedono crollare tutto attorno a sè, il mondo che hanno amato e costruito. Effettivamente credo sia la prima volta che leggo QUESTO punto di vista.
Poi c'è Rossella, la protagonista più odiosa della storia. Rossella che si crede il centro del mondo, che mette in secondo piano chiunque, che non esita a prendere ciò che vuole. E che nell'assedio di Atlanta arriva a fare qualsiasi cosa per salvare se stessa e le persone a lei affidate (compresa Melania, la sua loffia rivale in amore). Rossella che ti ritrovi ad odiare...perché rispecchia le parti più brutte di te, quelle che vorresti dimenticare.
E per finire c'è lui, Rhett. Un pirata senza scrupoli, che nemmeno si sforza di adattarsi all'ipocrisia imperante...un uomo che non si adatta alla morale dei tempi e che all'ultimo, in modo sorprendente, dichiara il suo amore in un modo che ti fa sentire il cuore in gola. Altro che Christian Grey!

Insomma: sto adorando Via col Vento!!!

1 commento:

  1. Io ormai sono un caso disperato. La mezza mela, dopo che da giorni non parlo d'altro, ieri mi ha detto "ma quanto ti manca? così poi ci vediamo il film che ormai sono curioso!"

    RispondiElimina