venerdì 20 marzo 2015

abito a Stars Hollow

Sono tornata ad abitare al Fontanile felice e spensierata.
Anni di esilio a Inculonia mi hanno temprata...bellissimi paesaggi e gente chiusa, fredda. Un paese dove ci si saluta poco, specie se non abiti lì da 18 generazioni, e dove succede ancora meno.
Ecco.
Questo per dire che da quando ho cambiato casa, mi sento come Lorelay Gilmore di "Una mamma per amica"...nel senso che abito in un paese - diciamo - pittoresco. Folkloristico, oserei dire.
Qui la gente ti saluta. SEMPRE.
Butti fuori il pattume? "buongiornoooo"
Stendi i panni? "Uehh ciao! tutto bene in casa nuova?"
Si taglia il prato col vicino, ci si aspetta col dirimpettaio per andare in stazione, si compra il latte al distributore in piazzetta e succedono mille cose.
Si fa la manifestazione per "Mi illumino di meno" e si mettono lumini per vie case e piazze.
Ci sono consigli: comunali, pastorali, dei campeggi parrocchiali...
ogni sera ce n'è una.
E il più figo di tutti è il sindaco, che una ne pensa e cento ne fa. Compreso organizzare mostre nel palazzo comunale, e invitare i miei Nani a sedersi sulla sua poltrona e disegnare mentre offre a me, sorella Osama e Mr T torta e caffè del thermos.
Mr T, che era un po' restio a venire a vivere qui, s'è già calato nella parte.
Secondo me tra un po' molla la falegnameria e apre un bar qui.

2 commenti:

  1. son proprio contenta per te e che tu abbia trovato un posto che si chiami Casa:)

    RispondiElimina
  2. Avete anche un Kirk?
    (a proposito la sera all'ora di cena fanno le repliche... ovviamente bisogna rivedere tutte le stagioni) :D

    RispondiElimina