Passa ai contenuti principali

Via Col Vento e via col pianto...ultima tappa

Beh, siamo al finalone.
Allo struggente finalone di un libro che mai, mai, MAI avrei pensato così bello.
E visto che si tratta di un libro da cui è stato tratto uno dei più celebri film da Oscar, passiamo ai voti? quasi quasi...
- personaggio femminile protagonista: 3. Rossella O'Hara è perfida, stupida, egocentrica e senza redenzione. Mai. Vive la vita spingendo sull'acceleratore, e si butta tutto dietro le spalle ."domani è un altro giorno" non è una semplice battuta: è la filosofia di chi vive senza coscienza a cui rendere conto. Quale prezzo paga, per questo? Enorme, se si considera che perde sempre tutto ciò cui tiene: mariti, una figlia, l'amica del cuore. Ma non temete; non se ne accorge nemmeno, convinta com'è di poter porre rimedio.
- personaggio maschile protagonista: 10 e LODE. Rhett Butler è vero. Esiste. E' quel selvaggio senza scrupoli che sogni d'incontrare, è un uomo che ha conosciuto poco amore e che ama senza limiti proprio per questo. E' la ragione per cui Rossella è un "3" e non "0". Perché un amore così grande, per riflesso, dà punti pure all'oggetto amato. E per questo a pagina 875 ho sognato che Rhett ce la facesse a perdonare Rossella. Perchè lei non merita l'amore...ma lui merita il perdono, e tanto.
- - personaggio femminile non protagonista: Melly Wilkes-Hamilton. Più che una donna, dieci canzoni in una, per citarne due "Albachiara" e "Fighter". Che dolce! Che tosta! un personaggio a cui non daresti manco dieci centesimi. E che - alla sua morte - ti strappa l'anima. Per tutto l'amore mai avuto, per tutte le amicizie sprecate.
- personaggio maschile non protagonista: Ashley Wilkes. Personaggio, poi? un loffio che non finisce più...che si logora incapace di decidere tra l'amore per Melania e l'attrazione per Rossella. Che vive nel rimpianto di un mondo che non è più, ed era condannato prima ancora di morire. Che Rossella stessa, dopo una vita di ossessione amorosa, finisce per vedere come un peso. Più che personaggio, un piattume.
Varie ed eventuali. Ecco, un altro dei protagonisti è la guerra, e i suoi effetti. Si sente e si respira di pagina in pagina, a volte più lieve, a volte greve. Condiziona la vita dei protagonisti, condiziona anche chi capisce la sua inutilità, condiziona chi fa di tutto per sfuggire. Una riflessione continua, costretta, sull'ingiustizia dei giusti (i 'bravi' yankees) contro l'onore degli ingiusti (i 'cattivi' sudisti).
Voto complessivo al libro? 10. 5 stelline su Anobii. Meritatissime.

Mi sento già vuota senza il mondo di Rossella, non mi è chiaro come vivere...ma dopo tutto...domani è un altro giorno.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …