Cenerantola

Con la testimone sono stata al cinema a vedere Cenerentola.
Dopo aver letto alcuni post su facebook, mi aspettavo un film tragico...
...invece, abbiamo riso tutto il tempo.
Ma fino alle lacrime.
La madre muore. E in punto di morte, truccata e pettinatissima, fa promettere alla figlia di essere "gentile e piena di coraggio".
La figlia porella non comprende bene il messaggio, e comincia a ingentilirsi con tutti. Soprattutto con la matrigna e le sorellastre, tre acidone che, quando il padre muore, cominciano a schiavizzarla.
Va' che ti ha detto di essere gentile. Non che se arrivano in casa tre abusive è corretto farti cacciare in soffitta!
Ma il meglio è il principe, che al ballo ci prova fino all'ultimo. Prima la porta su un divano, poi in camporella nei viali reali, la porta nel giardino segreto ..."nessuno sa di questo posto!"
E lei, in risposta, comincia a perdere in giro le scarpe. Apposto, siamo.
menzione d'onore a Helena Bonham Carter come Smemorina. Rincojonita come mai nella vita.
Nell'insieme mi sono sentita molto poco affine al personaggio...non trovo alcun eroismo nel farsi martire per gli altri, e non mi sembra che sia un modello da proporre!

Commenti

  1. Ahahahahah bella la recensione, finalmente una che mi ha fatto venire voglia di vederlo!! dai suvvia ti manca la maggia dell'ammmorehhh!! comunque io tra cenerentola e biancaneve proprio non ci sto... preferisco Aurora.. che almeno fa una cosa bella nella vita: DORMIRE!!!

    RispondiElimina
  2. Ma vogliamo parlare del pacco sempre in bella vista del principe? Che un Azzurro coi fusò non l'avevo ancora mai visto così da vicino :D :D

    RispondiElimina
  3. ancora mi manca, ma voglio vederlo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

i gruppi di whatsapp

Le pezze are back