Passa ai contenuti principali

Piccole donne 1° tappa - dello scoprirsi poco Amy

"Piccole Donne" credo sia stato il primo libro 'serio' che abbia letto.
Per questo l'idea di rileggerlo dopo tanto tempo mi ha intrigato parecchio...un po' come l'idea di ritrovare delle vecchie amiche! Le stesse che mi avevano accompagnato per tutte le elementari. Eh sì, perchè l'ho letto, e riletto, e riletto, e riletto...
Credevo di conoscere le ragazze March come le mie sorelle. Già, anche perchè questo universo tutto femminile era vicino al mio, di bambina con due sorelle maggiori.
E visto che per forza di cose non potevo essere Meg, che il ruolo di Jo insisteva per prenderselo mia sorella Osama, che non avevo troppa voglia di morire giovane come Beth...non rimaneva che Amy.
Sì, Amy: la più graziosa, capace di farsi benvolere da tutti e che disegna alla grandissima. "Massì, dai, sento che ce la posso fare", mi dicevo.
Ecco. Per dire che poi si cresce, e si vanno a far benedire tutte le considerazioni.
Perchè già da pagina 4 ti fa prudere le mani, la stron§etta.
Che pensa di essere la vittima designata. Che vuole risparmiare sui regali per sè stessa. Che vuole imporre la propria presenza a teatro, e non riuscendoci brucia il manoscritto di Jo.
Abbellaaaa!
Mi sono trovata a pensare, a differenza di quando ero piccola, che bellezza e talento non giustificano la superbia e nemmeno la mascherano.
Che maturità!

(ps...ma queste...ve le ricordate voi?)

Commenti

  1. Ah ecco... certo tra Beth e Amy hai scelto il male minore :D :D :D
    Si il cartone me lo ricordo :D

    RispondiElimina
  2. io ho riletto piccole donne l'estate scorsa...l'ho letto e riletto da ragazzina..e ho realizzato che ora son troppo vecchia per apprezzarlo :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Le pezze are back

Innanzitutto un applauso alla ministra Lorenzin.
No, perché obiettivamente è difficile,  difficilissimo far arrabbiare almeno 3 milioni di italiani ogni volta che si apre bocca: ma lei ce la fa ogni volta.
Striscia la notizia ha intervistato la nostra in merito alla campagna di Civati contro la tassazione degli assorbenti al 22%. La ministra ha giustamente dichiarato di appofappoggiare l'iniziativa,  Salvo poi sbrodolare con un : "mica si può tornare all'800 con le pezze di cotone".
I beg  your pardon?
CERTO, CERTISSIMO CHE SI PUÒ! E aggiungerei: si deve.
Come sapete per Pannolina uso pannolini lavabili. Ma durante il periodo del puerperio mi sono convinta e sono passata anche per me al lato lavabile del ciclo.
Diciamo che un'episiotomia fatta in modo agghiacciante e particolarmente dolorosa da rimarginare mi ha convinta a utilizzare 2 assorbenti lavabili che avevo comprato,  più per curiosità che per convinzione,  ad una fiera. La svolta!morbidi,  lisci, molto p…