Passa ai contenuti principali

Il vomito, punto.

La foto del piccolo Aylan, riverso sulla spiaggia, l'avrei voluta vedere così, solo così. Come l'ha rappresentato questo artista, al sicuro nel suo lettino.
Io capisco scuotere le coscienze...ma non so dirvi che piangere la foto di questo piccolo sulla spiaggia. Un piccolo che per età potrebbe essere mio figlio, quello che ho perso.
Non ce la faccio. 
Proprio no.
E il pensiero che le 'invasioni barbariche' e le morti ad esso connesse sono ben al di là di finire, soprattutto in virtù della "lungimiranza" dei nostri politici...mi viene il vomito.


Commenti

  1. questa foto mi fa venire una rabbia, ma una rabbia feroce. Sono anni che muoiono bambini, neonati, donne e uomini che affondano nel canale di Sicilia ma adesso le "coscienze" si sono svegliate perché hanno visto questo bimbo. La strumentalizzazione di questa morte mi offende ferocemente.

    RispondiElimina
  2. a me fa accapponare la pelle. e fa molta rabbia!

    RispondiElimina
  3. la cosa più brutta è che secondo me moltissime persone non si sono chieste perchè proprio questa foto, dopo tante morti. Perchè usare un bambino, per avere una reazione. Ed ora, una gara di buonismo da parte di tutti. Arriverà però l'inverno, le navigazioni saranno meno frequenti a causa del mare in burrasca e...ci dimenticheremo di loro fino a marzo?...spero di no. Spero che finalmente ci si decida ad andare ad aiutarli in patria. Perchè - al di là dell'accoglienza - migrare dovrebbe essere una scelta, non l'obbligo per sopravvivere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …