giovedì 7 gennaio 2016

HP 1°tappa - i peggiori Dursley della nostra vita

Il nostro Club di Jane Austen s'è modernizzato...diventando 'il nostro Club di Harry Potter'.
Siamo partite questo mese con la rilettura di Harry Potter e la Pietra Filosofale.
Devo dire che rileggere la prima tappa, a distanza di alcuni anni, inevitabilmente ti porta a vivere emozioni diverse.
Quando l'avevo letto per la prima volta mi aveva preso più che altro la storia di questo misterioso bambino, così bistrattato.
In questa rilettura, forse perchè so già cosa accadrà, mi hanno invece catturato i Dursley, e il fatto che di Dursley è pieno il mondo, è piena la nostra vita...
Quante persone conoscete che - per non sconvolgere i propri preconcetti - vogliono incasellarvi in un loro schema che ben conoscono?
I Dursley che...
..."se lavori in banca, devi mettere il completo grigio"
..."se sei nella pubblicità, sei sicuramente estrosa"
..."non puoi sposarti se prima non hai comprato casa"
..."andare in affitto è una perdita di soldi"
..."sei sposata da un anno, e non fai ancora un figlio?!"
..."sei mamma di un bimbo e quando fai il secondo?!"
..." tutta la vita assieme alla stessa persona? non ti annoi?"
..."ti sei separata? ma come puoi dopo tanti anni? e non ti spiace per i figli?...se è per una scappatella....potevi tacere come tutti gli altri"
..." guidi la moto?!"
Io ho passato metà della vita a sentirmi un essere inferiore. Perchè  nei canoni ci rientro poco. Non so come mai, ma da sempre, se per essere 'la norma', dovevi essere tipo 'rosa quarzo', io variavo sempre di una sfumatura, rosa antico, rosa ciclamino...troppo alta per essere una bambina carina, troppo tagliente per essere alla mano, troppo tonda per essere bella, troppo insofferente per essere diplomatica. Insomma, un cacchio di casino. Soprattutto perchè "i Dursley" puntualmente ti fanno notare che sei troppo, o troppo poco, incasellata nei loro schemi. E allora passi il tempo a indossare panni che ti stanno troppo larghi, come Harry coi vestiti smessi di Dudley.
E alla fine è la stessa cosa: gente che vuole farti perdere la tua magia, la tua particolarità, smussare quegli angoli che ti rendono speciale.

1 commento:

  1. Ottima analisi direi! Di Dursley purtroppo è pieno il mondo :(

    RispondiElimina