sono salita sul trenino...delle flylady!

Dopo aver scoperto il metodo Marie Kondo ...(che mi ha cambiato la vita - o quantomeno i cassetti - e quindi merita un post a parte) tanto che sono entrata in un tunnel: organizzarmi la casa per vivere meglio.
Compito un lavoro meno 'realizzante', una vita che si fa più complessa, grandi novità all'orizzonte...
Si rende necessario dominare il poco che posso dominare, ossia la mia Catapecchia dolce Catapecchia!
Così, bazzicando qua e là sulla rete, sono venuta a conoscenza del metodo...Flylady.
Cosa sono, 'ste signore volanti?
Sono ex Desperate Housewives, che hanno deciso - passettino dopo passettino - di applicare un metodo che, in quindici minuti al giorno (!..sarà davvero così poco?) vi cambia la vita, o quantomeno: vi lascia casa pulita. In realtà il metodo Flylady presuppone che vi trasformiate in una Lady Finally Loving Yourself,...che obiettivo ambizioso!
Sia come sia: io al gruppo mi sono iscritta. Comincio oggi col primo dei 31 Baby Steps, ossia i passi del principiante che ti trasformano poi in donna con la casa sotto controllo (no, casalinghe perfette no: dal poco che ho letto, Flylady non vi trasforma in perfezioniste, ma in persone felici della propria casa, casa tutta da  vivere con la famiglia e gli amici).
Il primo passo è shineyoursink#1, ossia libera il lavello, fallo splendere e rendilo felice una volta per sempre! La filosofia che ci sta dietro è che un lavello pulito vi dà coraggio per fare il resto...che può anche essere!
...insomma, sarò il vostro tester...



Commenti

  1. io la Kondo l'ho letta, però debbo dirlo, non ce l'ho fatta... per colpa del fatto che ho troppe cose, veramente veramente troppe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti è lì il bello: butta tutto!

      Elimina
  2. Ooooooooooooooooooh
    devo assolutamente scoprire questo metodo
    devo!

    RispondiElimina
  3. Okay ho iniziato a leggere il blog, ma la pulizia del lavandino in 12 passi mi ha stroncato. E poi io non ce la faccio proprio a stare vestita da uscire in casa. E' una bruttissima abitudine, mi rendo conto, ma proprio non mi rilasso se non ho la tuta (ovviamente scompagnata) e la prima cosa che faccio appena rientro è togliermi le scarpe. Mi sa che non fa per me

    RispondiElimina
  4. allora, io ho adeguato. Porto ciabatte che uso solo in casa, invece che le scarpe. Mi pettino e mi sistemo anche se sono in casa. E la tuta non è volgarmente scompagnata, bensì mi sforzo di armonizzare i colori. Devo dire che aiuta, anche se per caso ti vedi riflessa nella vetrinetta!
    comunque poi metto un bel post dedicato ai miei primi bab steps!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

i gruppi di whatsapp

Le pezze are back