Passa ai contenuti principali

il ghigliottinato


Per carità, per quanto Tremerd sia frequentata per lo più da pendolari imbruttiti, finalmente ho trovato
compassione, e mi fanno sedere. Quasi sempre. Oddio, qualche furbacchione che quando mi avvicino fa finta di nulla c'è ancora, compreso chi siede placido nel posto riservato e guarda (apposta) il cellulare con concentrazione...
E che se chiedi esplicitamente replica "oh non mi ero accorto fossi incinta". A questa gente - non sapessi di fare il loro gioco - vorrei replicare "e io non sapevo che lei fosse cieco, stia pure seduto".

Ma il meglio l'abbiamo toccato ieri. Salgo in treno (ora di punta) e due ragazzi pensano bene di sbarrare - con le loro bici - l'ingresso a entrambi i corridoi dei treni. Sicchè salgo, e resto intrappolata tra due bici, senza possibilità di muovermi. E i due emo che mi guardano con l'espressione della mucca che guarda il treno.
Sbotto! "Scusate, ma così non si può fare. Sono incinta, e se alla prima frenata brusca finisco addosso al manubrio della vostra bici, giuro che faccio fermare il treno. Per favore spostatele e fate passare".
Interviene il ben pensante cinquantenne, che comodamente seduto dal suo posto sentenzia: "ecco signora, si metta lì da parte alla porta, così le bici non le finiscono addosso".
Cosa? io devo mettermi vicino alla porta? ma che cosa apri a fare la bocca se non per offrirmi il tuo posto, cretino?
"Ecco, lei invece metta la testa fuori dal finestrino, così al primo incrocio con altro treno becca una botta in testa e si riprende".
Ciò detto, volto le spalle, prendo di mano la bicicletta al cretino e la scavalco. E raggiungo il posto che - prontamente - un giovane uomo mi offre.
"Al mio paese i posti alle donne incinte si lasciano prima ancora che lo chiedano!" commenta sdegnato.
"Di dove è lei?"
"Romania, oggi ho finito prima il turno per partita pallone..."
e mi tiene compagnia fino alla sua fermata con racconti sul suo lavoro, la sua famiglia...
Soprattutto, mi evita gli sguardi dell'uomo cui, nonostante l'abbia caldamente consigliato, non ha messo la testa fuori dal finestrino per la decapitazione.
Libertè egalitè fraternitè.

Commenti

  1. ecco, questo post mi riconcilia con il mondo

    RispondiElimina
  2. in che senso??? ti faccio paura per la mia violenza verbale?? ...c'è da ringraziare che non sia una Targariaen...sennò a volte temo che mi metterei a gridare "bruciateli tuttiiii"

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …