Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2011

Buon 2012! tiriamo le somme e qualche torta in faccia

anche questo 31/12 è arrivato.
A sentire i Maya, l'ultimo 31/12 ...ma mi sia consentito, io non riporrei cieca fiducia nelle predizioni di un popolo di cocainomani, col viziaccio di lanciare vergini nei vulcani.
Che ci portiamo a casa da questo 2011?
Finalmente abbiamo archiviato il capitolo Berluscauron. Un gran passo per l'Italia.
Purtroppo dalla terra di Merdor (Montecitorio) continuano a fluire orde di Uruk-hai guidati da Monti, che cercano di spillarci anche l'anima per venderla al diavolo e risanare il debito pubblico. Consiglierei di cominciare a mettere all'asta alcune belle proprietà immobiliari per riuscirci. Tipo, certi cottage sardi e pied a terre di Montecarlo. Così evitiamo di tassare le case e pure gli affittuari (se non sono già finiti sotto i ponti).
Ho salutato il Grande Macello. Dal 1 gennaio la fusione è completata, e con essa la moria dei colleghi precari. Ci troveremo in tre gatti a lavorare per un ente che servirà tutta Italia. (no, chiedo scusa …

chi disse (nobil)donna, disse danno

Bene, siamo qui.Gli scatoloni virtuali sono accumulati un po' ovunque, ma c'è finalmente una certezza: Blogspot è la mia nuova casa.
Regalarsi un blog a Natale è un autoregalo piacevole, soprattutto dopo aver passato le ultime settimane a tormentarmi sul mio futuro di blogger. Ha senso scrivere e salvare quintalate di post, quando sei la blogger meno letta (che dico d''Italia?...DEL MONDO)? Ha senso quando (per dirvene una) siete tormentati da interrogativi esistenziali quali "dove cacchio salvo i links dei blog amici su Blogspot", e tali interrogativi - nell'impeditezza informatica - vi tolgono il sonno? Ha senso quando ritagliarsi due minuti per scrivere significa litigare con capo, marito (martirio) e amici che chiedono attenzione a ciclo continuo?
E poi mi sono detta che non me ne frega un ca**o se ho poco tempo, se a mio marito scoccia, se non sono brava e sono poco letta.
A me scrivere piace, coltivare questo spazio e parlare di ciò che mi appassion…

my past ...

è cominciato il grande freddo su Trenord Postato da Proletarina

Qui sul treno che viene dalla Svizzera due carrozze su tre sono senza riscaldamento. Che lo facciano per conservare i nanetti della Loaker e i loro wafer? Mistero.
Se ti va di vero cu*o, come stamttina è successo a me, anche nella carrozza riscaldata ti si siederà di fronte l'uomo che batte Hannibal Lecter per numero di tic, e ti trovi costretta a cambiar vagone (prima che ti chieda "zzo guardi?").
Via, al freddo e al gelo.
E in quest'ambiente che ricorda tanto la stalla di Betlemme, la normale fauna pendolare si trasforma.
C'è L'ASSIDERATA, di solito una studentessa, di chili50, che affonda in un piumino abnorme, un maglione dalle maniche lunghissime, e gli uggs pelosi. Sfugge da sotto la coppola un labbro tremante e violaceo, pronto a irripetibili insulti alla volta di chiunque la faccia spostare sia pure di un centimetro rispetto alla zona del sedile dove si è acclimatata. Milita…