Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

MR T IL MUTANDARO

È un fatto inopinabile: ho preso un paio di chili, che ho messo tutti in …beh, diciamola così, il 2012 mi ha portato qualcosa mai avuto prima: il seno prosperoso. Già, perché anche se paffutella, non ho mai avuto un decolletè da urlo. Dalla disperazione di diciassettenne con la prima scarsa, siamo arrivati a una terza misura, ma mai oltre. Più che un davanzale rigoglioso, due onesti gerani.  Ma ora…che abundansa! Fuoriescono quasi dai miei reggipetti, che  a dire la verità, hanno tutti l’elastico svenuto. Beh, la crisi si sente nel mio cassetto dell’intimo: se avanzano dieci euro, sinceramente non li spendo per qualcosa che sta sotto gli abiti. L’altra sera, accennavo a Mr T della mia necessità di fare un giretto in qualche outlet dell’intimo per un rifornimento di reggipetti in salute, quando il consorte mi s’illumina d’immenso. “Ho la soluzione per te! Seguimi!” E mi conduce in quell’angolo della casa ribattezzato “nelle terre selvagge”. La Mordor degli Acari. La Azkaban della polvere…

SETTE COSE CHE FORSE NON SAI DI ME

Sono stata nominata::Erika mi ha invitato al gioco “sette cose che non sai di me”. Che crisi! In effetti è dura pensare e raccontare cose curiose su se stessi. Comunque, proviamoci… 1)Sono CAPELLOMANE. È la parte di me che amo di più, quella che la Natura mi ha elargito con più generosità. Ho i capelli lunghi fino a metà schiena e folti; e li coccolo fino alla maniacalità. Mi capita spesso di piangere dalla parrucchiera, se non ha pietà dei miei boccoli…che umiliante. 2)Sono CAFFEINOMANE E MELANZANOMANE. Termine, il primo, che si sente spesso e volentieri. Il secondo si esplica con l’amore viscerale verso le melanzane, che mangerei anche tutti i giorni, specie se cotte in modi vergognosamente calorici: fritte, con olio, alla parmigiana…sbav. 3)Ho la PARTENZA DIESEL. Su tutto. Ci metto una vita a decidermi, a capire, a collocare. E’ che devo riscaldare i motori. Poi…divento affidabile, poco dispendiosa, robusta nelle difficoltà. Praticamente una Panda anni ’80. 4)Se sono incazzata una sola…

I sogni son desideri…IL CAPOCCIONE ESPLOSIVO

Forse non ve l’ho detto mai, ma il Super Mega Presidente Galattico Francisco Franco ha un capoccione enorme. Tipo Mashiro Tamigi, quello di “Mai dire Banzai”. Sarà per questo che ho fatto questo sogno…eravamo in sala break, tutta l’azienda. I consulenti psicologi incaricati di comunicarci i risultati del questionario sul clima aziendale ci comunicavano che i dati erano pessimi, ma “tanto, avevano risposto in pochi…e di sicuro tutti bugiardi”. Ovviamente sapevamo tutti che stavano barando per non far inca**are Francisco Franco, che però comincia ad avere il capoccione che si gonfia di più…sempre di più,… sempre di più! Fino a toccare le spalle di chi siede vicino a lui.

Mi impressiono così tanto che esco in balcone, e vedo un tizio che passeggia in cielo (!). Cala fino a me, e mi spiega che per farlo basta fidarsi di Dio. Sento che prendo il volo, ma… mi spavento e voglio scendere! (Qui purtroppo oso anche auto- darmi un’interpretazione: voglio volare basso come una gallina…giusto?)

I sogni son desideri…L’ISOLA

Condizionata dalla visione di ben due puntate della sesta serie di LOST (sto recuperando ora tutte le serie che- dopo la prima – non sono più riuscita a guardare con continuità), ho sognato che mi trovavo al tempio dell’inquietante isola, e il cinese tanto tranquillo, Nagen, mi comunica che a) torno a casa io e il Micio, b) torna a casa Mr T e il Micio, c) torno io con Mr T. Fuoco e fiamme. “Ma come, il Micio non è nato sull’Isola, quindi non è un candidato” (eh?!) “Ma come, con tutta la gente che ho ucciso per voi…” (lo sapevo che sarei stata una degli Altri!) “Ma come, Mr T non lo lasciate libero perché è il medico?” (ma che fine ha fatto Jack ?!) (e soprattutto, perché io sono una degli Altri e lui è il personaggio più buono di tutti???) Mi ribello a tutto quello che il cinesaccio mi dice, finché, guardando in mezzo alla palta della giungla, trovo la monetina da 5 cent. “Maledetto Nagen, ho trovato un poldino! È un segno di gran c*lo e ora mandi a casa tutti noi! Capito?!” E qui, co…

a me certe santificazioni danno da pensare

Per carità, la morte non si augura a nessuno.
Per carità, i morti sono tutti buoni.
Ma nonostante tutto la santificazione di Marco Biagi sui tg di ieri mi ha lasciato "un po' perplessina".
Guarda caso cominciano la canonizzazione dell'uomo che ha reso più flessibile (flessibile a 90°, direi) il mondo del lavoro adesso, che vogliono fare il ritocchino all'articolo 18.
Berluscauron o non Berluscauron...certe cazzate dei media non cambiano mai.

Shopping time

E vista cotanta crisi lavorativa, visto che la motivazione cala sotto i piedi se non fosse per i tre peperoni e du’ melanzane con cui mi pagano…beh, andiamo a goderceli ‘sta ortofrutticola che sono in grado di comprare! I miei ultimi acquisti… La Kokeshi. Avevo commissionato al capo di mia sorella Osama di comprarmene una in Giappone, ma quando Osama l’ha vista, non me l’ha più data. E come non capirla? Sono così tenerine!! L’ho trovata in un negozietto d’importazione nipponica: bellissima e tondolina, mi guardava nel suo kimono rosa a fiori di ciliegio (che fa pure primaverile). Per chi non lo sapesse: la kokeshi sono piccole bamboline di legno, portafortuna. E qui, direi che di fortuna c’è ben bisogno! Poi, non paga, poiché qui di soldi per cambiare il Nokia dello Sbarco in Sicilia nun ce ne stanno, ho ben pensato di renderlo più fescion con l'investimento di ben 1,5 euri: va' che bellessa. Cinturino in vera fintapelle bianca, con svarozzy luminosi e ciondolo a farfalla obesa. …

Urna cineraria

Basta ragazzi. Io, da ora in poi, mi taccio. Ogni volta che sembra che all’Associazione A Delinquere si sia toccato il fondo…qualcuno si mette a scavare. Come quando si scopre che il giorno dopo dovrai sostenere un trasloco perché i facchini ti lasciano dei cartoni in ufficio. Come quando si tenta di far capire al proprio Direttore che sarà dura riuscire a fare il tuo lavoro di assistenza telefonica ai clienti in un open space di 75 persone, senza manco avere un sistema per attutire un minimo i rumori. Come quando scopri che Zhitler (la zitella braccio destro del direttore di cui sopra...detta Zhitler perché oltre che zitella è pure un po' Hitler) ha potuto scegliere lei per prima gli uffici per sé e i suoi sottoposti… e ora ti tocca adattarti. In sei, in meno di tre metri quadrati a disposizione, in un open space con settantacinque urlatori folli. Io, che di culo ne ho proprio tanto, ho vinto la posizione della supposta: do le spalle alla porta d’ingresso dell’open space. Praticamente…

Libraccio, io ci credo un sacco

Sono dipendente dalla carta stampata dall’età di sei anni. Leggo di tutto e dappertutto: ormai potrei fare antologie anche sulle etichette dei flaconi di bagnoschiuma, visto che alla toilette, finché non ho potuto imporre la presenza del portariviste, non c’era mai null’altro da leggere. (tra parentesi. Plaudo alla vena poetica dello scrittore di “Revlon, bagnoschiuma al thè rooibos”. Ottimo profumo, gran bella metrica.) A Fontanilandia, dove ho vissuto per trent’anni, ero colonna portante della biblioteca. Amica del bibliotecario, della bibliotecaria, dell’assistente e pure degli acari della polvere, conoscevo tutti gli anfratti più segreti: la mia Disneyland privata. Poi mi sono trasferita  a Inculonia, dove la biblioteca è un posticino piccolo e malconcio con pochi volumi e una ragazza che ancora combatte col patentino ECDL (quindi…niente prestito interbibliotecario…L). E qui ho incominciato una relazione concupiscente con il Libraccio lungo i bastioni di porta Venezia, a Milano.  La mi…

Peggio per voi se mi fate incazzare

In principio fu “Nodo di sangue”. Amore da subito. Poi…non ci siamo più viste. Silenzio, quasi non ci fossimo mai incontrate. Eppure l’ho cercata. L’ho cercata in tutti i posti dove avrei potuto cercarla: da Feltrinelli, su IBS, su Anobii… Poi, un pomeriggio, nella penombra del mio Libraccio di fiducia…l’ho incontrata ancora. Lei. La mia amata Anita Blake: la Risvegliante, la Sterminatrice di vampiri più noir del mondo. Anita combatte mostri e vampiri, ma soprattutto combatte il suo lato oscuro, che la attrae verso fascinosi personaggi: Jean Claude, tenebroso e affascinante Master della Città, c’è Edward, la Morte incarnata, c’è Richard il sexy, dolce licantropo… E poi c’è tutto il suo stile: la Browning a pallottole d’argento, il crocifisso come arma. La collezione di pinguini e la tazza “Peggio per voi se mi fate incazzare”. C’è la scrittura in prima persona: e l’iniezione di autostima che si prova l’attimo prima di pensare “Wow, anch’io voglio risvegliare vampiri per mestiere!” Per questo o…

Meno mimose, più ricordo

In Italia, dal 1 gennaio 2012, sono state uccise 67 donne per gelosia. Crimini annunciati dopo mesi di stalking. In Italia, meno del 50% delle donne ha un lavoro regolare. (molto più probabilmente, il restante 50% lavora in nero). Non abbiamo più bisogno di fiori che disseminano pallini gialli. Abbiamo bisogno di essere considerate. l'unica mimosa che vi offro è il cocktail...per annegare i dispiaceri nell'alcol!
" Amoreeee...che hai mica masterizzato anche il secondo CD di True Blood quarta serieeeee??...no beh, ...così...tanto per chiedere..."

"Io non mi lamento"...chi non muore si rilegge!

Nella mia libreria di Anobii troneggia questo libro: la sfida di non lamentarsi per ventuno giorni, controllando i progressi fatti scambiando di polso il braccialetto viola in omaggio col volume. Se sono mai riuscita a non lamentarmi per 21 giorni di  fila?  Giammai. Ma ho cominciato a lamentarmi un po’ meno, questo sì… e a notare quanto male fanno le lamentele. Specie da che sono entrata nel gran mondo dell’Associazione A Delinquere, e ho cominciato a confrontarmi  con nuovi colleghi che…si lamentano della sede, e del capo, e dei prezzi alle macchinette del caffè… Ma CHISSENEFREGA!  Va tutto bene all’AaD? Ma va’. Lo sapete se ormai mi seguite da un po’: ogni mattina una gazzella si alza e sa che deve correre, o il leone la mangerà. E il leone deve correre, se vuole mangiare. E l’impiegato AaD deve correre, il più velocemente possibile, da una postazione all’altra altrimenti gli affibbieranno un sacco di lavoro che non gli compete e qualcun altro se ne prenderà i meriti. Eppure… se c’è una…

Il mio gatto non ci vede al buio...

Help! Da due giorni a questa parte rischio l’infarto: il mio micione ha imparato ad accendere la lampada a stelo del salotto con la sua zampina. La prima volta ho visto filtrare la luce dalla finestra fin dal giardino, e sono andata in panico, visto che MR T sarebbe tornato solo dopo tre quarti d’ora: chi cavolo era entrato in casa? La risposta è arrivata dal facciotto placido e rotondo di Ary: nessuno! Ma era buio… Il punto è: a che ora l’accende? Sin dal mattino? O al calar del buio? Lo scopriremo alla prossima bolletta!