lunedì 30 giugno 2014

Whish list

S’avvicina il compleanno…e la mia whish list su amazon cresce!
Onde evitare imbarazzanti gaffe di mr T, e a dirla tutta… anche un po’ per sognare, ho creato una whish list su Amazon.
Cellulare nuovo?
Libri?
Borse?
…ma scopro che su Amazon vendono anche la mia ultima passione, i braccialetti coi charms.
Il braccialetto coi charms vince la mia stima perché è semplice, di gusto, ma particolare e consente di esprimere la propria personalità con ciondoli particolari.
Tipo: ami la pesca? E attaccati un pesce!
Ami Parigi? E vai con la piccola Tour Eiffel!
Il punto è: di cosa sei fan se prendi un charm a forma fallica ( e giuro che c’è!)?...boh!
La marca comunque si chiama Melina<3
E spero tanto che Mr T scelga questo qui…

Non è carinissimo?

venerdì 20 giugno 2014

DocenteSecsi


"la tua libido è incrollabile, manco dopo aver parlato di panciere e gambaletti rinunci a scoprire il mio intimo. Ci riprovo...mutande di cotone bianche?"
"beh....preferirei perizoma da guerriglia, però sono quelle cose che si scoprono quando ormai è troppo tardi." 
(cit. DocenteSecsi)

martedì 17 giugno 2014

ce la faranno i nostri eroi

Breve aggiornamento.
Sono finita in mano a un'associazione a delinquere di stampo burocratico / urbanistico.
L'immobiliare mi consegna sì la casa...previa mia firma di scrittura privata dove mi si richiedono 130.000€ di cambiali. Chiaramente mi sono dichiarata disponibile solo a dare 130.000 calci nel Qlo: sei nel torto STRAMARCIO, potrei chiederti 30.000€ per danni e non te li chiedo solo perchè la casa mi piace...e osi anche dare di queste condizioni? Non m'è rimasta che una soluzione: rivolgermi all'avvocato dove lavora mia cognata Il Risolutore (che da brava guerrafondaia progetta cause storiche alla Erin Brokovich).
La suddetta, che (che non ci chiede niente) ha sentito il CattoNotaio (che di suo era alquanto costernato dalla situazione in cui ci ha cacciato l'immobiliare, e prega per noi). A questo punto dovrà riscrivere lui il compromesso... (e chissà quanto c@zzo mi chiede) al fine di evitare che mi ritrovi invischiata in giri strani, per non dire in eventuali fallimenti dell'immobiliare (che gira in elicottero, compra all'asta in contanti...ma poi mi chiede cambiali da 130.000€ e uno comincia a farsi delle GRAN domande).
Ho poi chiamato la straordinaria geometra del comune: mi spiegava che vorrebbe dare la chiusura alla DIA settimana prossima (e purtroppo "domani c'ha l'incontro con l'assessore e quindi non sa se fa in tempo"...insomma invece che aiutarmi...pure le alte sfere mi ostacolano?!).
Per cercare di agevolare m'ha spiegato che farà sistemare alcune cose direttamente sulla DIA depositata, vidimandola col tecnico, con lo scopo che riesca a rogitare entro l'estate. Devo dire che m'è sembrata un minimo più collaborativa, anzi ha cercato di darmi suggerimenti nel mio interesse. Tipo farmi sistemare i muri a spese del costruttore, visto che la cameretta non si capisce se ha la metratura giusta per essere considerata una cameretta o uno studio...sembrava di fare il gioco dei fagioli a "Pronto Raffaella": quanti metri quadri nella stanza?...8,34...o 10,17?...per non dire della cucina...che il muro non lo doveva avere!...NO COMMENT.
spero solo m'abbia detto il vero, ma giusto per non sbagliare è mia intenzione diventare il suo Telefono Amico, e chiamarla con regolarità.

Che dire? preghiamo Gesù, la Madonna e tutti gli angeli in colonna che questa vicenda riesca a essere conclusa con il rogito entro l'estate... e nel modo più consono. (chè, per non saper nè leggere nè scrivere, mi sono pure iscritta all'Altroconsumo).
Io, per me, ho due certezze: 
1. i 20.000 € che mi hanno fatto di sconto li ho già spesi. Tra avvocati, seconde scritture dal notaio, tinte di capelli per i capelli bianchi che mi son venuti, ricariche telefoniche per chiamare tutti e valeriana per dormire. A saperlo li spendevo nel tendone di Moira degli Elefanti e lo piantavo dove c@zzo dicevo io.
2. che del doman, non v'è certezza.
E di ciò si ringrazia caramente Immobiliare , costruttore e Comune  per questa calda estate di M.(erda)

martedì 10 giugno 2014

Emma - 1° tappa - il nostro Club di Jane Austen

Altro mese, altra corsa!
Avete patito con Anne la sfigatella? Avreste voluto gridare un 'ce la fai' a Caterine Morland?
Preparatevi: nulla rivaleggia con la voglia di prendere a schiaffi Emma Woodhouse, anche a detta della stessa Jane Austen.
Emma, ricca e di nobil schiatta, vive nella casa con quel rinco...ehm, quel sensibile signore che è suo padre.
Vive con rimpianto il matrimonio della sua ex governante, di cui però si arroga ogni merito come Cupido. Avversata dal signor Knightley, fratello del cognato e vicino di casa (l'unico che, pur in linguaggio austeniano, osi dirle "ma sei rinconiglita?!"), Emma non demorde; vuole organizzare un altro matrimonio.
Tipo tra il vanesio pastore del paesello e Harriet, educanda figlia di nessuno (nel senso che lei per prima non sa chi sia il padre).
Harriet, placida come una tenera mucca pezzata al pascolo, mica si domanda chi sia suo padre, chi sposerà, quale sarà il suo destino: cuor contento il ciel l'aiuta, e si gode la sua vita quotidiana con buon successo (peraltro, riuscendo anche a rimorchiare un amabile agricoltore).
E il cuore di Harriet resterebbe contento e aiutato, senza Emma di mezzo, che rimbambendo la povera educanda di chiacchiere, la convince a smollare il contadino in favore del pastore, ormai cotto di lei.
Di Harriet, vi chiedete? Ma claro que no: innamorato di Emma, e del suo patrimonio. Fatto chiaro al mondo intero, tranne che alla stupefatta protagonista (stupefatta in quanto facente uso di stupefacenti).
La prima tappa si conclude con la povera Emma, che perplime di fronte ai sempre più evidenti corteggiamenti del pastore Elton. Sullo sfondo, il padre rimba cerca di rifilare a tutti scodelle di pappa d'avena, a suon di comizi sul tema.

Che dire?
Di Emme, è pieno il mondo.
Le Emme che non fanno fatica a farsi benvolere, per il bell'aspetto.
Le Emme di facile parlantina, pronte a intortare il mondo.
Le Emme che non conoscono il lavoro duro, né le ristrettezze economiche.
Le Emme che dall'alto del loro privilegio giudicano gli altri dall'alto in basso con il loro metro, che "questo non è chic", "è terribilmente fuori luogo vestirsi troppo semplicemente", che "lavora troppo per conversare decentemente".
Le Emme che si chiamano Minetti, Pascale... quante ne conosciamo, anche nel nostro quotidiano?

E dall'altra parte del mondo, ci siamo noi principesse proletarie.
Che la bellezza ce l'abbiamo dentro.
Che impariamo a ribattere a prezzo di molti cartoni nei denti.
Che  sappiamo lavorare, e che ci guadagniamo la nostra felicità ...e possiamo fare il tifo per noi stesse.
Noi che non giudichiamo chi compra gli abiti al mercato, chi rammenda i calzini, che si addormenta sul treno dei pendolari alle 7, invece di guidare il SUV verso la palestra.
Noi che ci chiamiamo Elizabeth Bennet, e che ci distinguiamo dalla massa perché sappiamo sorridere delle piccole cose, e prendere gli altri per ciò che sono...

Nonostante tifi disperatamente per un matrimonio gay  Martin - Knigthley, pur di far finire Emma a farsi un esamino di coscienza, non posso fare a meno di stimare la zia Jane per aver tratteggiato un personaggio che è ancor oggi così moderno.

mercoledì 4 giugno 2014

okkupazione!

Tutto ciò per dire che:
ancora non ho rogitato.
Da dicembre.

Ho scritto negli ultimi giorni all'immobiliare, all'agenzia e per finire al sindaco.
I prossimi della mailing list sono: Papa Francesco, Babbo Natale e Striscia la Notizia, poi non so, forse potrei tatuarmi un santino di Santa Rita in extrema ratio.
Sta di fatto che:
  • il precedente immobiliarista è scappato lasciando puffi (= debiti) e cause aperte, nonché un abuso edilizio (aver costruito un muretto di divisione per la cucina di un altro appartamento, e della mia lavanderia...)
  • il notaio sta sistemando col tribunale la faccenda delle pendenze legali... 
  • purtuttavia l'ufficio tecnico del Comune ancora non dà risposta alla variante presentata alla piantina catastale (n.b.: se si va oltre il 7 giugno, scatta il silenzio diniego e quindi va buttato giù tutto...per il muretto della lavanderia!!!)
  • la mia padrona di casa ha promesso la Catapecchia a una nipote, neomamma, che ne ha urgente bisogno di trasferirsi per avere un aiuto dalla famiglia nel gestire la bambina (la conseguenza è che la padrona di casa mi aspetta tutti i giorni sul pianerottolo per chiedermi quando me ne vado. Padrona di casa che, ricordo a tutti, ha l'Alzaheimer, e quindi già di suo tende a ripetere le cose ad oltranza; mi sono ridotta a nascondermi quando la vedo, e strisciare in casa sui gomiti come soldato Jane)
  • come non bastasse, il mio contratto d'affitto è comunque scaduto a maggio.
  • L'immobiliare s'è dichiarata disposta a darmi la casa in anticipo, anche senza rogito e fine lavori. Nb, l'impiegata mi ha mandato una scrittura privata delirante in cui mi chiedeva una caparra da 130.000 euri a garanzia dell'immobile...ma sei pazza??? secondo te, visto che non mi danno il mutuo per una casa che ancora non è abitabile, cosa faccio??? mi vendo gli organi interni a garanzia...? ...la conseguenza è che la casa me la danno aggratis (visto che io l'anticipo l'ho già dato 6 mesi fa, e ancora ho un pugno di mosche), ma ancora non si possono fare stime per il rogito, se il Comune non risponde... 
Insomma: tra un po' mi troverò a fare okkupazione di casa mia, come i romeni e marocchini disperati. E questo perché mi ritrovo con ufficio tecnico e immobiliarista con l'attività della Camera Mortuaria dell'obitorio.

Hanno messo meno a scrivere l'epopea di Gilgamesh, che a mettere un timbro sulla mia variante DIA.

L'unica speranza è che, visto che il nuovo assessore all'urbanistica è un'amica di mia sorella, cui oggi ho inviato il numero di protocollo della mia pratica, si possa in qualche modo sbloccare la situazione.

Certo che in Italia, o fai il diavolo a quattro, o non porti a casa nessun risultato con le vie ortodosse!!!